Utente 201XXX
Salve,

a seguito di linfoma di Hodgkin trattato con chemio ABVD e radioterapia a mantellina ho sviluppato un insufficienza mitralica lieve-moderata con lembi ispessiti.
Ad oggi sono passati 8 anni da tale diagnosi e il quadro è rimasto immutato.
Mi è stata però diagnosticata recentemente una iperprolattinemia idiopatica che mi comporta notevole calo del desiderio e ginecomastia e come cura mi è stata proposta cabergolina 0,5mg la settimana.
Il medico mi ha detto che a tali dosaggi non dovrebbe creare problemi ma sul "bugiardino" leggo di una controindicazione per chi è già portatore di una valvulopatia.
Potete aiutarmi a capire? Assumendo Cabergolina 0,5 mg la settimana corro il rischio di vedere peggiorato il mio rigurgito o tale inconveniente si rischia solo per dosaggi superiori?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'eventuale peggioramento della disfunzione valvolare con l'utilizzo della cabergolina è cosa rara e di difficile osservazione clinica. Stia serena. Saluti
[#2] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dr. Martino,

egualmente la ringrazio della risposta, ma sono un "lui"....cambia qualcosa per quanto riguarda i rischi di progressione della valvulopatia in conseguenza del dosaggio di 0,5 mg la settimana?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Mi scusi, ma non cambia assolutamente nulla.