Utente 711XXX
Salve, vorrei porre una domanda circa gli effetti sui reni e sue funzioni dell'utilizzo degli integratori indicati nell'oggetto del consulto.
Mi hanno parlato di questi integratori come coadiuvanti nel preservare o ritardare ulteriori degenerazioni delle cartilagini. Ho 41 anni, faccio palestra in modo moderato (non mi ammazzo sotto i pesi) e attivita aerobica (mountain bike e kick boxe sempre moderatamente). Avendo comunque problemi di ernia discale (L4-L5 e L5-S1), e qualche acciacco articolare (gomito) dovuto sicuramente ai pesi praticati da giovane. Vorrei provare questi integratori ma ho dei timori in quanto da alcuni anni ho una leggera proteinuria (varia da 0,28 - 0,50 mg/die).
A livello ematico gli esami della funzionalita renale sono tutti nella norma, quindi sono sotto controllo per questa proteinuria.
Il mio dubbio è che l'utilizzo di questi integratori possa "affaticare" o danneggiare i reni ed è una cosa che vorrei evitare, quindi volevo un suo parere se è il caso di prenderli o lasciar perdere in quanto i dannio potrebbero essere maggiori dei benfici.
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non so se la sua proteinuria sia stata in qualche modo inquadrata nell'ambito di una malattia renale definita, ancorchè in via ipotetica (ad es. malattia di berger).

Si informi bene innanzitutto, presso uno specialista di fiducia, su quale sia la reale efficacia degli integratori proposti per l'indicazione che lei riferisce.

Non mi risulta, comunque, che possano produrre effetti avversi renali.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 711XXX

Iscritto dal 2008
Il fatto è che per quanto riguarda l'effettiva efficacia di questi integratori ci sono due scuole di pensiero, quelle che ritengono che un minimo di beneficio lo apportino, e quelle che che considerato che se se ne fa un uso corretto male non fanno tanto vale provare senza dannarsi a spendere comunque tantio soldi. Si tratta secondo me, in quest'ultimo caso, di quelli che non credono nell'efficacia ma pur di non toglire una speranza di allievare o ritardate la degeneazione, considerato che non "dovrebbero" essere dannosi li lasciano prendere salvo dire al paziente che se dopo tre cicli non si ha nessun miglioramento conviene laciar perdere.
Comunque mi premeva sapere, e chiedero comunque anche al mio nefrologo quando faro il controllo, se questo tipo di integratori potessero influire negativamente sulla funzione renale.
Allo stato attuale non mi è stata diagnosticata una vera malattia renale in quanto non ho ancora fatto la biopsia renale. Ho solo un problema di proteinuria a livelli minimi ma persistente da circa 4 anni.
Grazie.