Utente 205XXX
Buongiorno Dottore ho 35 anni e mio marito 42. Stiamo cercando di avere un bambino da più di 6 mesi e vista l’età abbiamo fatto tutti i controlli primari. Lui ha eseguito uno spermiogramma un paio di mesi fa e i risultati glieli elencherò di seguito. Io sono al secondo ciclo di Clomid/gonasi con monitoraggio viste le mie ovaie pigre.
Curiosa è stata l'affermazione del mio ginecologo: “gli spermatozoi sono un pò stressati e lenti” per cui gli ha consigliato di prendere l'integratore FertiPlus, e ha affermato che con questa situazione, se neanche questo secondo ciclo stimolazione che sto facendo, andrà a buon fine, dovremmo pensare all’inseminazione artificiale.
Le chiedo se questo stress degli spermatozoi e questa lentezza sono effettive e se veramente l’unica via è l’inseminazione, perchè non è stata una notizia facile da metabolizzare.
La ringrazio anticipatamente e Le auguro una buona giornata.

Esame liquido seminale referti Valori di riferimento
quantità 2 ml 1.5-5,0
colore Bianco grigiastro Bianco grigiastro
aspetto torbido torbido
coagulo presente Presente
fluidificazione 38 minuti Completa in 30minuti
Viscosità aumentata Normale
ph 8,1 7.5-8.0

CARATTERI MISCROSCOPICI
Numeri di nemaspermi 31.000.000/ml 20/90.000.000
Namaspermi mobili emissione 60% 55- 80%
spermioagglutinazione assente Assente
Forme tipiche 70% >65%
Forme degenerative 30% < 30%
leucociti rari Rari
emazie rare Assenti
cristalli assenti Assenti
Indice di mobilità 3 0: immobil
1: scara
2: lenta
3: buona
4: ottima

Indice di vitalità 2 0:< 30% dopo 3ore
1: > 30% dopo 3 ore
2: > 30% dopo 6 ore
3:> 30% dopo 9 ore
4: > 30% dopo 12 ore

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice ,

lasci perdere gli "spermatozoi stressati"!

Detto questo devo pure dirle che l'esame fatto non sembra seguire gli attuali parametri indicati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

In sintesi cara Signora, come lei ha un gincologo di riferimento, anche suo marito deve essere valutato da esperto andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate sui corretti rapporti tra andrologo e ginecologo in un Centro di Procreazione Medicalmente Assistita, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/201-andrologo-ginecologo-devono-interagire-correttamente-infertilita-coppia.html .

Un cordiale saluto.