Utente 109XXX
Gentilissimi medici, torno a scrivervi di nuovo perchè...proprio questa mattina sono stato operato di varicocele (4° grado a sx e 2° a dx) tramite tecnica di scleroembolizzazione eseguita dalla vena del braccio sinistro (non ricordo ora il termine preciso, forse "accesso transbrachiale", non ho il foglio sotto mano, sono a letto). L'intervento è andato bene, nonostante un pò d'ansia, tutto è andato per il meglio, non è durato nemmeno troppo, una mezz'oretta. Vorrei chiedervi alcune cose che mi sono sfuggite sul momento:
-mi hanno detto di stare in assoluto riposo per 3 giorni (oggi più i 2 successivi, vita tranquilla per i seguenti) alzandomi per i pasti e per andare in bagno, posso comunque alzarmi dal letto tranquillamente, magari per prendere una cosa, un libro, un lettore mp3, cose così? Di sicuro si, ma chiedo sempre conferma;
-noto un miglioramento, rispetto a prima, alla vista dello scroto (a sinistra era parecchio visibile, a destra no), tuttavia le vene le vedo ancora un pò e soprattutto le sento (dire che ho toccato è anche troppo, ho semplicemete sfiorato la parte per sentire), ciò è normale? Nel senso, ci vorranno alcuni giorni per chiudere definitivamente le vene e quindi "sgonfiarle" oppure dovrebbe essere una cosa in un certo senso immediata? (oggi ho chiesto ma sul momento non ho specificato bene la domanda e vorrei stare sicuro)
-continuo a sentire ogni tanto dei piccoli fastidi alla zona, lievissime fitte, simili a quelle che sentivo prima dell'intervento, tutto nella norma? Normale decorso post-operatorio?
Per il resto, non mi pare di notare altre cose, in ogni caso vi farò sapere. Vi ringrazio e attendo vostre risposte, un cordiale saluto

PS-a metà giugno farò il controllo tramite ecografia testicolare per vedere se è tutto ok.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
1) Per riposo si intende evitare di fare sforzi perciò alzarsi qualche volta in più non dovrebbe comportare alcun problema
2)L'intervento per il varicocele è diretto a risolvere il problema del reflusso venoso che è immediato (al momento dell'intervento), ma la dilatazione venosa potrebbe anche rimanere tale o subire lievi modifiche e quindi essere palpabile anche dopo l'intervento.

3) Minimi fastidi nel postpoperatorio specie se non ingravescenti sono normali
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Ah perfetto, quindi posso stare tranquillo fino alla visita anche vedendo alcune vene visibili.
La ringrazio moltissimo dottore per le sue risposte, avrei solo altre 3 domande (mi perdoni, ogni tanto mi viene in mente qualcosa..):
-riguardo il dormire, è preferibile per i primi tempi addormentarsi e stare supini (glielo chiedo perchè io mi addormento sempre a pangia in giù quindi potrei "schiacciare" qualcosa)?
-Tra qualche giorno posso ricominciare a fare leggere passeggiate con camminata normale (io cammino molto, mi piace, però a passo veloce)?
-ultima domanda, tanto per....dopo quanti giorni è possibile invece tornare a...masturbarsi? (la dottoressa ha parlto di rapporti, tipo una decina di giorni mi pare..) Ho scritto a proposito di masturbazione perchè ora come ora non ho alcun partner...

Grazie ancora, di nuovo un cordiale saluto
[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
1) La posizione per il riposo è indifferente l'importante che sia comoda e non crei fastidi

2)Può farle con moderazione

3) Io consiglio almeno un mese ma nell'ambito come vede non c'è univocità

[#4] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Va benissimo, io la ringrazio infinitamente per tutte le sue risposte così immediate dott. Scalese.
[#5] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prego!
[#6] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Gentili medici, ho un'ulteriore domanda da fare: siccome prima ero solito fare, almeno una volta al giorno, un pò di addominali come esercizio, volevo chiedervi, quando potrò ricominciare a farli?
Oggi comunque avverto meno fastidi e fitte rispetto a ieri.
[#7] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Ad un mese dall'intervento gradualmente può riprendere le normali attività quotidiane compreso la attività fisica; l'uso dei muscoli addominali è consentito solo per brevi esercizi aerobici e quindi senza sforzi prolungati.
[#8] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Perfetto, ma cosa intende per "brevi esercizi aerobici"? Comunque una curiosità dottore, come mai lei consiglia una pausa di un mese da rapporti e/o masturbazione? Anche se non c'è alcune ferita? Grazie anche stavolta
[#9] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Sempre per togliermi un altro dubbio...l'erezione non causa problemi nel post intervento vero? Chiedo perchè, anche senza masturbazione, è normale avere a volte delle erezioni ma non so se possono essere "dannose" (l'ho messo tra virgolette perchè forse è un termine esagerato) a seguito dell'intervento.
[#10] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
dopo qualsiasi procedura chirurgica anche se mini invasiva come la scleroembolizzazione è consigliato il riposo compreso quello sessuale. Semplici erezioni non creano alcun problema anche perchè spesso sono naturali.
Il discorso degli esercizi addominali è opportuno evitare quelli a contrazione prolungata perchè un incremento della pressione addominale può essere una delle possibili cause di recidiva.
[#11] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
L'intervento non è stato chirurgico però, ho solo una puntura sul braccio. Tutto chiaro invece per quanto riguarda gli esercizi addominali. Comunque ho contattato anche il medico che ha eseguito il mio intervento, tramite mail, attendo anche un suo responso, giusto per avere un parere anche da lui.
[#12] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
In ogni modo la procedura è sempre catalogata come "chirurgica miniinvasiva"
[#13] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Ah, non lo sapevo, la ringrazio per la precisazione dottore. I fastidi sono migliorati. Posso cogliere l'occasione per farle una domanda generale che mi ha sempre incuriosito (approfitto della sua grande disponibilità)? E' normale avere un testicolo un pò più avanti dell'altro (e un pò più alto anche)?
Sto parlando del sinistro e me lo ricordo da sempre così, tra l'altro non mi ha mai detto niente nessuno (alcun medico) e dall'ecografia testicolare che avevo fatto tutto era a posto (varicocele a parte)...la ringrazio come sempre
[#14] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Normalmente i testicoli sono asimmetrici longitudinalmente (uno più in alto rispetto all'altro), e sono sullo stesso piano visti trasversalmente ma se è sempre stato così (uno più avanti rispetto all'altro) nulla di preoccupante.
[#15] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Si, da sempre, o almeno per quanto ne ricordo io. La ringrazio ancora per le sue risposte
[#16] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prego!