Utente 206XXX
Gentilissimi medici, leggo da tanto questo sito che mi è stato spesso di grandissimo aiuto. Ho deciso di scrivere perchè mi trovo in difficoltà con la sospensione di Xeristar 60 mg. intrapresa per poter programmare una gravidanza. Ho assunto questo farmaco per 4 anni senza interruzioni, mi fu somministrato da uno psichiatra a causa di disturbi di ansia, panico, pensieri ossessivi e per la depressione aggravatasi a causa di abuso di alcool e benzodiazepine dalle quali però sono completamente disintossicata ad oggi (anche quindi  a sostengo della disintossicazione).
Non sono stata seguita dallo psichiatra se non in fase iniziale del trattamento poi per problemi economici mi sono rivolta solo al 
Medico di base. Ho tentato di fare una terapia gratuita presso il distretto del mio territorio ma mi hanno rifiutato considerando evidentemente il mio caso non abbastanza grave consigliandomi soli di tornare dallo psichiatra a pagamento in pratica....
Quindi sono ricorsa sempre all'aiuto del mio medico di base e abbiamo concordato di procedere per due settimane all'assunzione di Xeristar 30 mg un giorno si e uno no per poi sospendere definitivamente. 
Ho iniziato da soli 4 giorni a calare ma non mi sento affatto bene. La testa mi gira e ho la sensazione di vuoto e come di pressione alta al cranio e agli occhi, ho nausea, e l'umore e molto altalenante. Sento di perdere rapidamente interesse nelle mie cose, spesso sono molto ansiosa e sudo freddo. Tutti questi sintomi si attenuano dopo qualche ora dall'assunzione della compressa. Vorrei chiedervi se questi sono sintomi transitori o non ci sia piuttosto il rischio di un immediata recidiva della mia depressione. Sono preoccupata cosa devo fare?continuo la sospensone senza essere monitorata da uno specialista? E come capisco se sto tornando in condizioni gravi? Come devo fare visto che  la USL si rifiuta di assegnarmi ad uno psichiatra? grazie in anticipo. 

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile utente
quelli che lei riferisce sono sintomi molto comuni quando si sospende un farmaco serotoninergico(nel caso dello Xeristar serotoninergico e noradrenergico)i sintomi normalmente ascompaiono nel giro di 2-3 settimane a volte con alcune molecole ci vuole più tempo;comunque niente di preoccupante!
[#2] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la Sua risposta! Piano piano col passare dei giorni già mi sembra che l'organismo si sia abituato al dosaggio più basso! Ho difficoltà a prendere sonno ma mi aiuto con la melatonina, tutto sommato sono contenta di potermi liberare di questo farmaco, ho 32 anni vorrei provare a farcela senza medicinali. Grazie ancora