Utente 206XXX
Inanzitutto scusate se scrivo tante cose ma penso che più cose metto e meglio è, comunque..mio fratellino di 14 anni pensa di avere una fimosi perché il pene quando si trova in erezione il glande non esce fuori ma rimane completamente all'interno della pelle; l'unico modo è di tirarlo fuori manualmente e a volte con alcuni dolori. Non so se è una cosa normale perchè anche a me succede ma durante il rapporto sessuale tiro fuori manualmente il glande e senza dolori, come si potrebbe porre rimedio? potreste spiegarmi come funziona la circoncisione sia parziale che completa in modo da saperne di più e in modo da rassicurarlo. Secondo voi è necessaria? Mi ha detto anche che il glande durante l'erezione presenta come delle rughe e che durante la masturbazione lo sperma impiega 1/2 minuti a fuori uscire. Durante il lavaggio ci sono dolori solo all'inizio ma dopo 1/2 minuti spariscono completamente. Magari non centra niente però ho notato che il suo pene pende abbastanza vistosamente a sinistra rispetto al suo corpo. Grazie in anticipo per l'attenzione e per le eventuali risposte.

p.s.: Mio fratello non è molto entusiasta di dover ricorrere ad interventi chirurgici e vorrebbe sapere se è possibile dato che è ancora in età adolescenziale poter risolvere il problema senza questi interventi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michelangelo Sorrentino
28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

è probabile che il fratellino abbia un pene con atteggiamento fimotico, ovvero è in grado di retrarre il prepuzio e scoprire il glande in situazione di detumescenza, ma con il pene in erezione la manovra diviene impossibile o comunque fastidiosa o dolorosa.
In questo caso non è indispensabile correggere immediatamente la condizione in quanto è possibile mantenere una buona igiene dato che il glande si scopre in detumescenza. Va valutato, ma questa decisione può essere rimandata, se è il caso di correggere comunque tale condizione.
La correzione è chirurgica e può essere una circoncisione totale ovvero eliminare tutto il prepuzio e fare in modo che il glande sia sempre scoperto del tutto, oppure una circoncisione parziale in cui si elimina solo la parte del prepuzio più ristretta o in esubero e si fa in modo che ci sia una maggiore facilità a retrarre il prepuzio stesso.

spero di essere stato abbastanza chiaro

cordialmente
[#2] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
Grazie davvero tante. Potrebbe dirmi magari delle manovre da fare per tenere costantemente il pene pulito e se esistono medicinali o cose di questo genere che aiutano particolarmente la pulizia.
A parer di mio fratello è una questione di sporcizia presente nel glande perchè lavandolo nota che la pelle o residui di altre cose vengono fuori un po come se fosse pelle morta.
Nel caso ci fosse bisogno di intervenire chirurgicamente se e per quanto tempo dovrebbe provocare dolori l'eliminazione del prepuzio?
Grazie di nuovo
[#3] dopo  
Dr. Michelangelo Sorrentino
28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
L'igiene è sicuramente importante. Il prepuzio ed il glande vanno lavati tutti i giorni e dopo ogni eiaculazione. Può usare un prodotto per igiene intima che trova al supermercato o in farmacia.
Dopo un intervento di circoncisione il dolore è presente per pochi giorni, mentre può persistere un certo fastidio per qualche settimana dovuto alla maggiore esposizione del glande.

Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
Grazie nuovamente