Utente 105XXX
Salve, sono una ragazza di vent'anni e da qualche tempo mi capita, ogni tanto, di avere dolore lombare e sensazione di collo rigido, non dolente, ma bloccato, con conseguente testa pesante e senso di stanchezza e affaticamento. Mi comincia al risveglio - più precisamente mi sveglio con la sensazione che sia comparso nel sonno - e dura tutto il giorno. Dopo un po' si affievolisce, scompare, passa qualche giorno e ricompare. Mi chiedevo se ci potesse essere qualche problema di postura, ma i miei ritmi di vita sono gli stessi da parecchio tempo quindi non saprei. La cosa più fastidiosa è il senso di stanchezza e ansia che mi porta.
[#2] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività +52
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Gentile signorina, i dati che ci fornisce sono troppo scarsi per poter esprimere un consiglio medico specialistico. Tuttavia, il mio parere è che la sintomatologia farebbe orientare per un problema a carico della colonna vertebrale ma tale ipotesi andrebbe valutata meglio con una visita specialistica ortopedica, magari con l'ausilio di indagini iconografiche (RDX, EMG, NG, RMN, ecc). Non escluderei anche una consulenza neurologica.
Saluti cordiali.

Dr. Luigi Grosso
www.luigigrosso.net

[#3] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la rapidità con cui ha risposto.
Oggi il dolore è aumentato costringendomi a letto per molto tempo. Si è calmato con Aulin. Talvolta si irrada fino alle gambe come sensazione di pesantezza... compiendo certi movimenti aumenta, mentre diminuisce in piedi. La mia preoccupazione è quella di un'eventuale ernia, capisco l'impossibilità di una diagnosi via internet ma non è quello che voglio, è solo che tendo a drammatizzare i sintomi causa ansia.
[#4] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività +52
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
"Non bisogna fasciarsi la testa prima di rompersela"...diceva il proverbio. In effetti cara signorina non è il caso di drammatizzare, oggi ci sono tante possibilità di star bene che non immagina neppure.
Di nuovo tanti auguri.

Dr. Luigi Grosso