Utente 465XXX
Salve,
sono un ragazzo di 24 anni e credo di avere un problema di eiaculazione precoce. Da circa un anno vivo una relazione stabile ed, essendosi fatto più frequente il sesso, ho notato di soffrire di questo problema che ultimamente sta compromettendo la mia vita sessuale, perché la mia ragazza molto spesso si rifiuta di avere dei rapporti.
Ho deciso, con un pò di difficoltà devo dire, a rivolgermi ad un andrologo, qui a Torino, che dopo una prima visita sommaria mi ha prescritto alcuni esami e la pillola cialis, da prendere 3 volte alla settimana per 3 mesi. Mi ha spiegato che, sebbene sia contro le disfunzioni erettili (che non ho), mi avrebbe aiutato ad allungare i "tempi". La mia eiaculazione avviene, comunque, dopo la penetrazione ed un paio di minuti di spinte (spesso i minuti sono anche meno purtroppo).
Non ho ancora cominciato a prendere la pillola.
Volevo, dunque, chiedere a Voi se può davvero aiutarmi per tamponare inizialmente la situazione (voglio comunque andare a fondo per risolvere il problema) e se posso comprare il generico Tadalafil invece che il Cialis, dal momento che è eccessivamente costoso per le mie possibilità.
RingraziandoVi e scusandomi per la mia prolissità, porgo

Distinti Saluti

Gianluca

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Non esiste in commercio il generico Tadalafil in quanto la molecola è ancora tutelata da brevetto.
Il Cialis nel suo caso può funzionare " al bisogno" e copre 36 ore. Non credo che assumerlo 3 volte la settimana per 3 mesi possa risolvere il suo problema.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
caro ragazzo, l'eiaculazione precoce può avere numerose cause spesso però nei pazienti giovani è causata da una prostatite, e pertanto va curara essa.
cordiali saluti
Dott Giuseppe Quarto
www.prevenzioneprostata.com
[#3] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
il trattamento dell'eiaculazione precoce han nella grande maggior parte dei casi una risoluzione rapida sia che si intraprendano vie di trattamento biologico (con farmaci) sia sessuologico (con protocolli di 10 sedute in media).
Si affidi ad un Sessuologo con cui concordare il trattamento per lei più adeguato.
Cordialmente
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore l'uso del tadalafil non è codificato per il trattamento dell'eiaculazione precoce, ma può servire come cadiuvante. L'eiaculazione precoce è una problematica estremamente complessa la cui trattazione non può prescindere da un inquadramento dei fattori emotivi/psicogeni oltrechè di quelli organici.
Attualmente il trattamento elettivo è con farmaci inibitori del reuptake della serotonina.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
posso condividere di principio la terapia prescritta dal Collega, formalmente ineccepibile, ma di fatto non ne condivido l'utilizzo nel Suo caso e comunque non al dosaggio consigliato. Troppo facile e semmplicistico "liquidare" con tale provvedimento terapeutico il Suo disturbo, che riconosce diverse sfaccettature e punti vista articolati.
Che dirle? Consulti un altro Collega Andrologo...
Ci tenga informati dell’evoluzione del storia clinica, se lo desidera.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro Gianluca,
anch'io condivido la necessità di capire l'eventuale causa del suo problema, cioè fare una diagnosi , e poi impostare la terapia più mirata.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#7] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore

prima di assumere Cialis o altre molecole simili è necessario escludere qualsiasi causa organica o psicologica che può essere alla base dell'eiaculazione precoce.

Cordiali saluti

Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
la mia condivisione di principio cui accennavo in precedenza si riferiva al fatto che l'eiaculazione precoce si giova quasi sempre della somministrazione dei farmaci cui Lei accenna, ma nella grandisisma parte dei casi il ricorso a tale terapia, che mi piace definire di "supporto", dovrebbe essere solo temporanea, in attesa della definizione diagnostica e quyindi del trattamento teraputico mirato. Mi riferisco ad esempio a quello psicosessuologico o psicoanalitico.
Auguri di pronta risoluzione del problema ed affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Chiedo scusa ai Colleghi se intervengo io "non addetto ai lavori", ma mi interesserebbe sapere dal ragazzo alcune cose:
1) si tratta della prima esperienza sessuale e tale disturbo lo ha scoperto ora, o si è presentato anche in passato seppur in rapporti non stabili
2)la partner è della stessa età?
3)della stessa condizione sociale e culturale?
4) quale il rapporto con i genitori e la propria famiglia in genere?

Sono convinto anch'io che quel farmaco serva a poco o nulla e pertanto mi permetto di consigliare un consulto appunto con uno psicologo.

Cordiali saluti e auguri

Dr. GIOVANNI MIGLIACCIO
[#10] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cc
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
una attenta raccolta della sua storia clinica è sicuramente il presupposto per capire meglio il suo problema sessuale ma credo che la sede più idonea sia durante una attenta e preliminare valutazione da parte di un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#12] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
solo per estrema chiarezza, vorrei ribadirLe che la classe di farmaci cui stiamo facendo riferimento ha rappresentato una vera e propria rivoluzione entusiasmante e positiva nella terapia della disfunzione erettile. Ribadisco il mio accordo nella indicazione ad una terapia di supporto con questi farmaci anche nel Suo caso. Soltanto sottolineo ancora una volta la temporaneità del trattamento, nell'attesa di una completa definizione diagnostica, probabilmente e sottolineo probabilmente di natura psicosessuologica.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#13] dopo  
Utente 465XXX

Iscritto dal 2007
Salve,

ringrazio tutti Voi per la cortesia e la gentilezza mostrata nel rispondere alle mie domande. Ho preso coscienza del fatto che il mio è un vero problema perché mi impedisce di vivere felicemente la mia sessualità (alla mia età poi...).
Vorrei solo chiederVi uali sono i passi che devo fare per iniziare a CURARE il problema: vorrei evitare di andare da gente che mi spilla i soldi per offrirmi palliativi! Esami, specialisti da contattare, inizierò comunue a parlarne al mio medico di base.

Distinti Saluti e auguri di buon anno!

Gianluca
[#14] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Caro Gianluca,
credo che dalle risposte di tutti noi si evinca che il problema non è solo "fisico" e che un supporto psicologico da parte di un andrologo sia opportuno.
In quest'ambito il rischio di incontrare "gente che spilla soldi" credo sia davvero molto basso:la maggioranza dei medici italiani è fatta di professionisti seri e il paziente in genere ha "buon naso" nel capirlo.
Parlane certamente con il tuo medico e vedrai che in breve tempo le cose miglioreranno.
Molti auguri per tutto

Dr.G.Migliaccio
[#15] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro Gianluca ,
concordo in pieno con le corrette considerazioni fatte dal collega Migliaccio. Approfitto dell'occasione per rinviarle un cordiale saluto e tanti auguri per un felice anno nuovo.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#16] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
purtroppo e lo scrivo davvero a malincuore, quello che Lei teme può spesso corrispondere alla realtà. E mi riferisco sia alla realtà "vissuta" che a quella "mediatica". La Sua idea di iniziare un iter diagnostico serio ed approfondito parlando del problema con il Suo Medico di famiglia è eccellente.
Approfitto dell'occasione, se me lo consente, per fare i migliori auguri di un felicissimo Nuovo Anno a Lei, a tutti i Colleghi indistintamente e allo Staff di Medicitalia.
Cordialmente
Prof. Giovanni MARTINO
[#17] dopo  
Utente 465XXX

Iscritto dal 2007
Salve,

scusate ancora il disturbo. Ho finalmente avuto un colloquio con il mio medico curante riguardo al problema. Molto professionalmente mi ha indicato di rivolgermi ad un andrologo esperto, per vagliare la possibilità di fare gli esami necessari, oltre che da uno psico-sessuologo (mi diceva che in tutti i suoi anni di esperienza il 99% dei casi simili avevano natura psicologica). Però su mia richiesta, avendo letto qui sul forum in merito, mi ha prescritto il Daparox da assumere nella quantità di mezza pasticca (10mg), avendo io rifiutato il Cialis troppo oneroso per le mie povere tasche da studente. Ritenete che tale medicinale possa aiutarmi? Se sì, in quanto tempo dovrei vedere i primi "benefici" (sebbene sappia che si tratta di effetti collaterali)?
RingraziandoVi, porgo

Distinti Saluti

Gianluca
[#18] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore
Riconfermo quanto già detto in precedenza faccia una visita specialisitca andrologica per una corretta diagnosi eziologica dell'eiaculazione precoce prima di assumere farmaci
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
[#19] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Sono anch'io d'accordo sulla opportunità che lei faccia una visita andrologica. Ricordi che la visita andrologica è effettuabile con il SSN e che ogni suo dubbio potrà essere chiarito in occasione di tale visita.

Cordialità
[#20] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Concordo con le corrette indicazioni date dai colleghi.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#21] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
:)
sono sorpreso. Prima il Collega Medico di famiglia si comporta in maniera ineccepibile consiglianoLe una visita specialistica Andrologica e poi...che fa? Le prescrive una terapia???? Senza una diagnosi????
E no...non va più bene!
:)
Ci tenga informati se lo ritiene utile ed opportuno.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#22] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatta eventualmente la valutazione andrologica poi ci aggiorni , se lo desidera.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org