Utente 206XXX
salve dot vi ringrazio in anticipo e spero di vederne al piu presto uno di voi
prima vi accenno la mia storia ed in base a questo valutate le mie domande.Ho
25 anni fumo da quando ne avevo 16, circa 30 sigarette al giorno, fino a due
anni fa ho fatto un uso cronico di droghe tra cocaina, crak, erba, ecstasy
tutto da quando avevo 18 anni con frequenza giornaliera un uso piu che cronico.Da circa 4 anni e piu ho seri problemi di erezioni allinizio si
alzava ma non era molto duro e subito dopo si afflosciava con il passare del
tempo non si alzava proprio piu e nemmeno la mattina, mi trovavo con il pene
moscio, masturbarmi è diventato un lusso se si alza un poco.Decisi di a andare da un'andrologo ma non intendo farne il nome, lui senza farmi fare ne analisi e ne altro mi prescrisse VIAGRA da cento, dopo varie assunzioni funzionava
ma prendedolo ogni giorno visto che comunque sono giovane ed il sesso per me
è fondamentale insomma sono un malandrino, gli effetti collaterali mi fecero
stare male e finii in ospedale, lui me lo sospese e mi diede LEVITRA da venti
e scalando via via ma mi faceva uscire il sangue dal naso, poi opto per
un'operazione dove voleva legarmi le due vene mi pare ma disse che i
risultati ottenuti sarebbero stati scarsi, quindi disse che avrei dovuto mettermi la protesi ED io ho detto ma fermiamoci un'attimo ho 23 anni quando andai da lui quindi sono giovane e non ammetto la protesi nel mio corpo a maggior ragione perchè non ha saputo darmi la spiegazione del motivo del mio problema, quindi ho cambiato andrologo e sono andato da un'altro che spiegatali la situazione mi fece l'ecodopler ed il sonar mi sembra comunque rilevo che in erezione passava il 35% di sangue in meno e mi prescrisse il CIALIS a tutti i dosaggi all'inizio come gli altri farmaci non funziona ma man mano che li assumevo iniziavano a fare effetto ma con scarsi risultati cioè erezioni deboli e duravano poco tempo, quindi mi prescrisse CAVERJECT dai vari dosaggi oggi ne prendo 5 ml e le dico che funziona come non mai solo che mi fa un dolore insopportabile e a forza di fare iniezioni mi si sono fatti 2 noduli al pene tanto che si è curvato verso sinistra e da qualche mese sta come se stesse rotando su se stesso e si sta notevolmente tirando verso indietro cioè se prima misurava 19 cm in erezione adesso ne misura 17 cm da flaccido non glielo dico proprio sembra quello di un neonato pechè è sempre tirato come se fosse duro in
alcune zone dove sono i noduli. Comunque ad oggi ho sospeso tutto ed ho iniziato ad orientarmi per scegliere un'altro andrologo e direi anche l'ultimo,
La domanda è questa se io venissi da uno di voi e vi dico da subito che il mio non è un problema psicologico poi valuterete anche voi, cioè casomai lo è diventato adesso perchè senza farmaci non si muove proprio.Sareste in grado con tutte queste teconologio e facendo quasiasi accertamento scoprire la causa del problema?e poi scegliere la strda migliore? grz per tutto.....

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
quanto alla diagnosi eviti le idee preconcette (non è psicologico) che sono indice di personalità piuttosto incline a problemi psicogeni. Più frequenti in quelli che fanno uso "generoso" di sostanze, le quali poi poissono indurre danni organici seri.
Detto questo serve: astensione da fumo, alcool e droghe e una diagnbosi precisa, che qua sono solo terapie. Sulla base di quella diagnosi ci si muove di conseguenza.
[#2] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
salve grazie per la risposta io intendevo che non è psicologico perchè è l'unica cosa che entrambi gli andrologi mi hanno confermato ma non hanno saputo dirmi di cosa si tratti, fermo restanto che se mi si dice è di natura psicologico farei comunque quello che mi consigliano voglio dire non devo farmene una colpa... non dico che verrò da lei perchè comunque mi sembra che sia contro le regole dal sito, Ma quello voglio sapere è al giorno d'oggi se io vado da un esperto andrologo ed anche lui escludesse il problema psicologico ci sono mezzi a disposizione per capire da cosa deriva??? è questo quello che mi interessa sapere xkè se dovrei andare da un'altro ed anche lui mi dara li stessi farmaci comunque non sapro da cosa deriva mentre se si riesce a scoprire il problema caso mai sarà piu facile trovare la cura... o sbaglio???
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
i mezzi ci sono eccome. Bisogna assolutamente fare diagnosi di causa e così si trova cura. Che francamente una ostruzione simile a quella identificata con ecodoppler a 25 anni stento proprio a crederla.
[#4] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
ok la ringrazio nuovamente per avermi risposto, comunque porterò tutta la documentazione che mi è stata fatta in precedenza dagli andrologi al nuovo cosi che si renderà conto se hanno sbagliato o meno, adesso ultim due domande una importante e l'altra è giusto per informarmi visto che mi trovo nell'argomento.
1: chi mi puo indicare uno specialista nella mia zona? se voi potete mi fate un favore ferrara è troppo lontana per me
2: visto che comunque sin quando non risolvo questo problema io ho necessita di fare sesso visto che sono anche fidanzato da quasi 6 anni ed ho e voglio avere rapporti giornalieri esiste qualche farmaco di questi che viene passato dalla mutua in quanto sono costosissimi e per acquistarli con lo stipendio che ho devo privarmi quasi di tutto...
ancora grazie e buona giornata
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
caro signore,
farmaci di qua non possiamo prescriverne. A livello pubblico le consiglio il dip. di Urologia della Università la Sapienza di Roma, a livello privato il dr. Biagiotti.