Utente 513XXX
Soffro di FAP ricorrenti risolte farmacologicamente al PS, ho fatto un holter ECG in cui risultano 73 BESV singole, difetto minore della conduzione intraventricolare e null'altro F.C. 77.
Prendo rytmonorm 3x150 + ASA.
Una cosa che mi ha incuriosito è la registrazione notturna, che ha per tutta la notte ha queste frequenze:
periodo Min medio max besv
00.01-01.01 55 69 101 7
01.01-02.01 55 66 91 0
02.01-03.01 60 70 115 9(incubo notturno)
03.01-04.01 59 70 107 2
04.01-05.01 58 68 95 2
05.01-06.01 58 76 97 0
Ora siccome sono sempre stanco la mattina e non riposato volevo sapere se i brevi picchi di frequenza max notturna sono normali o sono il sintomo che qualcosa non va nel sonno?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La terapia con Rytmonorm mi pare correttamente impostata. Ma le consiglio di contattare il suo cardiologo per valutare la opportunità di iniziare terapia anticoagulante con coumadin, dal momento che l aspirina non la protegge da possibili episodi trombo embolici che potrebbero avere effetto disastroso. È una terapia noiosa perché prevede prelieve ematici ogni 7 10 gg, ma purtroppo per il momento è l unica che si sia dimostrata efficace nel prevenire le tromboembolie tipiche della f.a.
Cordialità
Cecchini
Www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Grazie per la sollecita risposta, mi impressiona un po' il discorso della terapia anticoagulante, mi hanno detto che con solo tre o quattro episodi di Fap annui e che non durano più di dodici ore non si dovrebbe fare, io faccio solo il clexane al'ospedale una puntura sulla pancia al momento.
Per i picchi momentanei nella notte a 105 di frequenza mentre si dorme pensa è normale ( è solo una curiosità)?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei simpreoccupa di cose irrilevanti. Quello che invece conta è prevenire le tromboembolie che possono avere esiti devastantinspecie in una persona giovane come lei. L aspirina NON protegge dalle tromboembolie. La maggior parte delle persone con esiti di ictus che lei vede pernstrada hannomalle loro spalle episodi recidivanti di f.a. Parossistica non adeguatamente trattati.
Cordialmente
Cecchini
[#4] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Grazie per il consiglio ne parlerò al mio cardiologo.
Converebbe a queto punto fare l'ablazione, per tentare di risolvere le FAP alla radice e poter smettere i farmaci.
Ma l'aspirina se non protegge conviene prenderla, con i problemi gastrici che comporta (almeno per me)?

Saluti





[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No, l aspirina non serve a prevenire le embolie e può favorire le ulcere gastriche. Per questo non ha senso. L ablazione è un modo per te atre di risolvere il problema, ma tenga presente chena seconda del tipo di f.a. Può darsi che durante l intervento ci sia bisogno Dell impianto di un pace maker..
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#6] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Grazie per le sollecite risposte che denotano uno spirito altruista non indifferente.