Utente 187XXX
Buongiorno, vorrei sapere se è vere che smettendo di fumare si ha un recupero del danno oncologico a dieci anni dalla sospensione?

Se questo è vero come mai pneumologi continuano a dire che i danni da fumo sono irreversibili?

Graize per la risposta
[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
alcuni danni anatomici, sopratutto quelli alla struttura del polmone profondo, per intenderci quelli che favoriscono alcune manifestazione della BPCO come l'enfisema possono essere irreversibili. Ciò non toglie che il danno funzionale possa in parte eeesre recuperato.

Altro aspetto è il rischio di neoplasia. Poichè le alterazioni biologiche, che portano nell'arco di 15-20 anni alla manifestazione clinica di un tumore polmonare, non possono essere riconosciute nella fase iniziale, devono passare 10-15 anni di sospensione perchè il rischio di avere un'alterazione biologica che possa portare gradualmente al tumore venga quasi scongiurato o, meglio, ridotto al livello di una persona che non ha mai fumato.

Cordiali Saluti