Utente 537XXX
Salve, sono un ragazzo di 30 anni.
Ho utilizzato Bromazemap 2,5mg per più di un anno, ma per circa 8-9 mesi la dose è stata sempre tra le 3 e le 5 gocce prima di dormire una sola volta al giorno.

Ho voluto interrotto il medicinale senza scalare e ho avuto alcuni effetti collaterali descritti sul foglietto illustrativo, tra cui aumento dell'ansia immotivata e paure e fobie immotivate.

Volevo sapere quanto possono essere prolungati questi effetti collaterali dovuti ad una probabile assuefazione.

Questo mi aiuterà a capire quanto dipende da me e quanto dipende dal farmaco, visto che questo tipo di reazioni sono abbastanza immotivate e ad esser sincero non ne ho mai sofferto. L'ansia si, ma sempre dovuta a problemi realit o ostacoli da superare tipo esami universitari, una scelta di lavoro importante, l'esito di un risultato ecc.

Quanto possono durare gli effetti collaterali e quanto possono creare o far degenerare stati ansiosi già preesisntenti?

O almeno sapete dirmi quanto in media durano gli effetti collaterali da interruzione improvvisa dopo più di un anno?

Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La sindrome da astinenza da benzodiazepine ha una durata variabile anche in rapporto al grado di assuefazione, nel suo caso minimo (5 gocce). Lo stato ansioso se è stato riconosciuto e diagnosticato è la causa più frequente delle astinenze teoricamente lievi o trascurabili che invece sono fastidiose per chi sospende anche piccole dosi.
Che ci sia uno stato ansioso potrebbe essere sospettato per il fatto che per mesi ha assunto un medicinale che non faceva più alcun effetto, dato che l'effetto farmacologico del bromazepam si esaurisce dopo circa un mese.
L'astinenza non è sostanzialmente diversa per assunzioni brevi o protratte, è un fenomeno farmacologico che si instaura dopo un mesetto circa.

"Dipende da Lei" e "dipende dal farmaco" significano la stessa cosa, il farmaco ha agito sul suo cervello e il cervello dopo la sospensione ritorna come quando non lo assumeva, gradualmente. Questo passaggio è la sindrome d'astinenza. Se "dipende da Lei" significa che si autosuggestiona, direi che questo lascia il tempo che trova, se invece ha un disturbo d'ansia "dipende da Lei" il fatto che certi sintomi persistano, che ci sia o meno il bromazepam.
[#2] dopo  
Utente 537XXX

Iscritto dal 2008
Bhè diciamo che stati di ansia immotivati e paure immotivate non ne ho mai avuti. Quelli attuali non sono particolarmente forti, se non in piccoli momenti e non mi impediscono di svolgere la mia normale vita, ma durano da qualche settimana e coincidono proprio con la sospesione brusca e si manifestano con alti e bassi a volte con qualche momento (anche se breve) di sconforto.

La sensazione è quella di stare quasi bene e poi rispondere male ad uno stress successivo.

Da quello che leggo l'effetto si esaurisce in un mese. Quello che mi interessava capire è appunto quanto tempo ci mette il cervello ad abituarsi alla mancanza del principio attivo, e se fosse il caso di riprenderlo e scalarlo lentamente diminuendo gradualmente visto e considerato che non ho mai avuto questo tipo di problematiche.

Semmai difficoltà ad addormentarmi a causa del lavorare al pc prima di dormire e un appettito un po' nervoso, ma sempre comunque manifestazioni che non hanno mai intaccato il mio umore ne dato mai alti e bassi e paure immotivate.





[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Scalarlo gradualmente sì, però stiamo parlando comunque di poche gocce. Per farsi indicare comunque uno schema di scalaggio e farsi magari seguire nei giorni è opportuno che comunichi dal vivo con un medico.

La riabitudine alla mancanza di benzodiazepine di solito avviene negli stessi tempi in cui si sviluppa l'abitudine. Spesso ciò che rende "suscettibili" all'ansia dopo sospensione di dosi così minime è uno stato di predisposizione all'ansia, che in questo caso viene sollecitato.
[#4] dopo  
Utente 537XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore ne terrò conto e parlerò col mio medico.
Essendo io in parte predisposto per ansia può esser probabile, senza contare che decisamente l'effetto è stato ampliato nei giorni ricchi di caffè...

Grazie ancora