Utente 207XXX
buongiorno,avrei bisogno di un consulto con tempi corti,a mia madre sono state diagnosticate delle placche alla carotide livello 75%,dopo il ricovero in clinica pero' si sono accorti che la sua valvola mitrale ha una disfunzione di tipo severo. adesso e' stata dimessa in attesa dell'intervento per la riparazione o sostituzione della valvola,dicendo che la carotide puo' aspettare.Siamo andati dal suo cardiologo e' ci ha informati che a suo pARERE se la mamma si opera al cuore potrebbe avere grosse complicazioni durante l'intervento dovuti alla carotide e che secondo lui avrebbero dovuto invertire gli interventi,quindi prima proseguire con l'angioplastica o con un by-pass e poi occuparsi della mitrale.adesso la mamma continua a fare 2 punture di anticoagulanti al giorno per preparazione all'intervento,noi intanto stiamo cercando di contattare un altro cardiochirurgo consigliatoci dal cardiologo per l'ennesimo parere,ma non risponde.per favore ,i tempi stringono,potrebbe
aiutarmi in tempi brevi? cosa ne pensa? e' bene fare prima l'uno o l'altro?e con gli anticoagulanti continuare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Se la stenosi significativa riguarda solo una delle due carotidi e si è in presenza di una severa valvulopatia mitralica, conviene eseguire prima l'intervento cardiochirurgico e successivamente quello vascolare.

Diverso il discorso se le stenosi significative riguardassero le due arterie carotidi contemporaneamente.

Utile sarebbe comunque conoscere il grado di patologia mitralica, la funzione cardiaca, i sintomi neurologici e cardiologici di sua madre per porre in modo preciso delle priorità.

Per quale motivo è stata impostata la terapia con eparina sottocute, non saprei, forse per una fibrillazione atriale di recente diagnosi, ma non posso risponderle se non visionando la documentazione medica.

Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti
GI



[#2] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
buongiorno,la ringrazio per la tempestivita' con la quale ha risposto,le scrivo con esattezza la diagnosi fatta alla mamma,premettendo che ha 71 anni.CORONOGRAFIA:
CORONARIA SX:coronaria normale per origine e decorso,con lieve ateromasia non stenosante.
CORONARIA DX:dominante,di medio calibro,con una stenosi breve del 75%,all'inizio del tratto medio.
VENTRICOLOGRAFIA SX:
ventricolo di forma globosa e volume lievemente aumentato(+---),con cinetica conservata,rigurgito mitralico di grado medio severo.
CAROTIDOGRAFIA SELETTIVA:
A DESTRA:stenosi del 50% alla biforcazione.
A SINISTRA:stenosi breve del 60-70%,grossolanamente calcificata.
CONCLUSIONE E NOTE:
malattia di un vaso coronarico.
IPERCOLESTEROLEMIA,ERNIA IATALE BCO,SINDROME ANSIOSA.

IN attesa dell'intervento sta facendo uso,oltre che a tutti gli altri farmaci,anche di ticlopedina dorom 250mg per due volte al giorno. Aspetto ansiosamente una sua risposta ,grazie davvero.