Utente 208XXX
Da 20 anni soffro di stanchezza cronica, dolori vari, ho provato 100 cose e nessuno e' riuscito ad aiutarmi. Sono Imprenditore con 800 dipendenti, tanti soldi e poca salute, un PREMIO a chi mi potra' aiutare davvero. Scrivetemi per un pdf dei miei esami sangue. Grazie per l'aiuto, son disperato perche' mi e' anche nato un figlio e non ho l'energia per dargli le attenzioni che si merita.
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Egr. Imprenditore,
a prescindere dal PREMIO che immagino considerevole, credo che la prima cosa da fare è scegliere un medico da consultare personalmente, al quale far consultare la documentazione clinica che immagino corposa.
Poi ci tenga informati e ci faccia sapere se qualcuno ha vinto.
Cordialmente

[#2] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Dr Migliaccio, grazie della risposta, leggo forse un fio di ironia in essa, le assicuro che di medici ne ho consultati piu' di 50 senza risultati, non e' uno scherzo il mio, solo l'ultimo tentativo di capirci qualcosa. Non volevo offendere nessuno con il PREMIO, datelo in beneficenza, fatene quello che volete, era solo un modo per dire che ormai non ci credo piu', se c'e'e qualcuno che si vuole prendere a cuore la storia per il gusto di scopritre il mistero e di aiutare una persona in difficolta'...ecco il premio....
Grazie anora
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Caro signore,
è chiaro che,al momento, nessuno di noi può inquadrare il Suo stato clinico in una qualche patologia.
Scelga uno di noi cui affidare il caso. Successivamente il prescelto, se non vi è nulla di propria competenza, provvederà a consultare lo specifico specialista per le patologie eventualmente emerse.
[#4] dopo  
Dr.ssa Veronica Turchetta
20% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Salve,
nel proseguimento delle sue ricerche mediche (che consiglio di mandare avanti per escludere a priori disturbi o patologie organiche) le suggerisco anche l'eventualità di prendere in considerazione un colloquio con uno psicologo.
In versione assolutamente ipotetica e teorica (supposizioni da parte mia dato che non ci sono stati colloqui diretti con lei) si possono verificare anche disturbi psico-somatici.
Perciò rimando ad ulteriori accertamenti.

Un saluto
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Santonocito
52% attività
12% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
>>> Scrivetemi per un pdf dei miei esami sangue.
>>>

Gentile signore, la prassi prevede che sia il paziente a cercare il medico (o lo psicologo), non viceversa. La sua esasperazione per l'insuccesso delle cure ricevute finora può essere comprensibile, ma un professionista serio non lascerà mai che la prospettiva di un premio sovverta questa regola basilare, per vari motivi.

Pertanto, se vuole, può provare a spiegarci meglio i suoi sintomi e le cure che ha ricevuto, e noi potremo orientarla sulla figura (specialistica) da contattare. Poi potrà decidere lei se cercarla su questo sito o altrove.

E il consiglio lo riceverà gratis.

Cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i limiti del web sono tali che "risolvere" un caso molto difficile, già ardua impresa per i colleghi che hanno potuto visitarla, è praticamente impossibile; come le hanno anticipato i colleghi saremo certamente lieti di darle consigli.
Lei avrà giuste motivazioni per aver perso le speranze (e questo comunque non le giova) ma come professionisti della salute noi abbiamo il dovere (e spesso anche la passione) per non arrenderci mai.
Dall'indicazione che riferisce posso al momento invitarla a leggere questo mio articolo

http://www.medicitalia.it/minforma/medicine-non-convenzionali/361-cfs-sindrome-affaticamento-cronico.html

Cordialmente.

[#7] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
G.mo Dr. Ferrero,
grazie di cuore, leggero' con attenzione l'articolo.
[#8] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Gentilissimi,
colgo con piacere i Vs consigli e ringrazio. Passo a darVi piu' dati che possano servire magari ad indirizzarmi ad uno specialista adatto alla mia ricerca:

I miei sintomi piu' gravi sono: Stanchezza continua senza periodi di alta energia, ci sono giorni migliori e peggiori, se sto in piedi per piu' di 10 min dolori alle giunture ed ai muscoli, fischio continuo alle orecchie, soventi mal di testa di natura cervicale, pallore, dimagrimenti anche estremi, il peso fluttua di due o tre chili al max ma sono molto magro, 60kg per 177cm, dormo bene, dormirei anche 12 ore se potessi, continuo brontolio all'apparato digerente, di corpo vado regolarmente. Qualche volta ferite ai lati della bocca.

Ho fatto oltre a tante altre cose tipo Ozonoterapia, agopuntura, visite Psicologiche etc, eco all'addome, al fegato, reni (ho avuto una colicha renale recentemente per la prima volta senza calcoli visibili), eco alla tiroide e paratiroide, eco al cuore, tutti regolari. Positivita' all' Epatite C con pero' valori RNA buoni (esame fatto anno scorso, sto attendendo esiti esame di quest'anno ma tutti i valori del fegato sono nella norma ed anche l'eco, non ne capisco molto ma mi e' stato detto che non e' "attiva" ma che ci sono gli anticorpi. Questo dal 1990. Esame celiachia negativo. Esami allergologici alimenti negativi.
Esami del sangue con asterisco:

Globuli Rossi 4.03
Vol GLobuli medio 100.8
Tempo Trombolastina parz att 45.5
trigliceridi 193
VES prima ora 39
eosinofili 6.1
ferro 60
IGA 429

tutti gli altri valori nella norma.

Spero possa essere stato di aiuto per una valutazione e consiglio.
Grazie
[#9] dopo  
Dr. Filippo Nocera
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, "tutti gli altri valori" e' un po'grande come campo, non credo abbia eseguito tutti i possibili dosaggi sia quantitativi che qualitativi, che sarebbero veramente troppi.... da quel poco che si evidenzia io proverei ad escludere in prima battuta eventuali malattie di tipo infettivo o di tipo immunopatologico.
Un caro saluto.
[#10] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'alterazione dei valori che riporta orienta in molte direzioni ma non indirizza verso nulla di specifico;
sono certo che i colleghi consultati direttamente in tanti anni siano stati molto scrupolosi e per tale motivo confermo come sia praticamente impossibile "consegnarle" una diagnosi esatta.

Sarebbe più interessante seguire un iter inverso, cosa per esmpio le hanno sicuramente escluso: è nero su bianco che lei non sia affetto da Sindrome da fatica cronica?
Siamo sicuri che per la sua sindrome in vent'anni abbia provato veramente tutto?
Le risulta ad esempio che per i suoi disturbi qualche collega le abbia dato una terapia di stimolo metabolico (respirazione cellulare, attivazione mitocondriale) e questa sia stata fallimentare?
Suggerisco questa ipotesi e questo punto di vista perchè a volte la soluzione è proprio sotto gli occhi (la diagnosi la fà il paziente) ma noi medici ci avventuriamo in ricerche ed approfondimenti (serissimi e motivati) che possono fuorviare...

Cordialmente.


[#11] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, come suggerito dal Dr Ferrero Leone, il suo potrebbe essere un caso di Sindrome di fatica cronica, problema ben inquadrato in dottrina, abbastanza ostico però da inquadrare e da trattare caso per caso .
Fra le cause più frequenti di questa sindrome, o meglio fra le partologie concomitanti che é necessario escludere, ci sono i disturbi del sonno: lei dice che dorme bene, ma sarebbe molto utile sapere se quando dorme russa e se presenta episodi di apnea nel sonno (arresti del respiro per alcun secondi, a volte anche decine). Tenga presente che non sempre il paziente é conscio di questo preblmea: bisogna coinvolgere il partner in questa risposta. Nonostante lei dorma bene, il risveglio al mattino é caratterizzato da particolare stanchezza e difficoltà a riprendere le normali attività?
Mi incuriosiscono anche il "fischio continuo alle orecchie, soventi mal di testa di natura cervicale": vorrei che lei leggesse questo articolo, per veder se può essere il suo caso: www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
(attendere con pazienza quando si vuole aprire il link: è molto pesante).
Dice anche "Qualche volta ferite ai lati della bocca": dove , esattamente, agli angoli formati dalle labbra? Le hanno parlato di Cheilite angolare?.
Cordiali saluti ed auguri.

[#12] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille.
La CFS mi e' stata diagnosticata 19 anni fa, ma con le solite appendici, cioe' non si sa la causa, non c'e' una cura etc. Io sto provando a vedere se puo' essere qualch cos'altro, per esempio speravo di essere affetto da Celiachia perche' ho visto che i sintomi son molto simili ai miei, ma.... invano.
Per il dormire dormo bene e senza disturbi, mia moglie mi dice che non russo e non mi muovo molto. SI le ferite sono piu' interne che esterne e sono agli angoli forati dalle labbra, vedo anche che spariscono quando prendo supplementi multivitaminici per cui ha ragione lei quando omina la CHielite.
Grazie ancora.

Per le malattie Immunopatologiche di che cosa si tratta? Quale specialista devo interpellare?
[#13] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
L'ultima domanda che pone mi mette un pò in apprensione perchè con la sua storia clinica dei numerosi colleghi consultati avrei dato per scontato che più d'uno fosse stato Immunologo e/o Reumatologo, entrambi esperti nel darle approfondite spiegazioni di immunopatologia (ma forse li ha consultati nel tempo ed ora le sfugge).

Bene, per tornare alle nostre valutazioni ha risposto positivamente alla mia prima domanda
ma non alla seconda,
ne alla terza.

Nel quotidiano siamo tutti abituati a turno ad essere "l'ennesimo medico consultato", a dover aiutare pazienti con storie cliniche lunghe e piene di aspetti poco chiari; questo non deve allontanarci dal valutare sempre il paziente come se fosse alla sua prima visita ed unico nelle sue manifestazioni.
MAI accomodarsi sulle diagnosi e le terapie dei colleghi che ci hanno preceduto per quanto possano essere meritevoli di rispetto e considerazione e tantomeno dare per scontati segni e sintomi se non ne siamo assolutamente certi, in entrambi i casi la possibilità di commettere errori dignostici e terapeutici grossolani è ad un passo.

Non è raro incontrare situazioni simili alla sua e per questo le consiglio di rivolgersi nella sua zona ad un collega MOLTO esperto in medicina non convenzionale e solo dopo aver provato una cura specifica per la CFS e i disturbi concomitanti annessi (19 anni fa la cura non c'era, oggi i tentativi da fare sono numerosi ed articolati) ed aver fallito, potrà tirare le somme ed orientarsi altrimenti;
voglio ben sperare però che il Dr. House abbia fatto centro anche questa volta!

Con sentiti auguri e viva cordialità.