Utente 208XXX
Salve, sono un ragazzo di 32 anni, nonostante riesca ad avere rapporti sessuali completi c'e' questo cruccio che mi assale, in sostanza se mi masturbo riesco ad avere una discreta erezione ma in assenza di stimolazione manuale non ho la benche' minima erezione, al massimo una discreta tumescenza. in caso di penetrazione poi a volte l'erezione ottenuta manualmente si "perde" o nel momento di inserimento del membro nella vagina o subito dopo, il problema e' molto amplificato dal preservativo che annulla qualsiasi sensibilita'. Se sono sdraiato o in ginocchio l'erezione (ottenuta sempre con stimolazione manuale) c'e' ma se sto in piedi la fatica a ottenerla e mantenerla e' esagerata. Premetto che ero sovrappeso (94 kg contro i 78 che dovrei essere visto che sono alto 1,78 metri) ma con la dieta ho perso 9 kg. Non ho colesterolo alto, non ho glicemia alta, e' tutto nella norma eppure c'e' questo problema. A volte poi manca proprio il desiderio eppure il testosterone seppur non alto e' nella norma. Lo scarso desiderio riesco a curarlo con CARNITINA ma questa non fa molto sul versante erezione psicogena (ossia ottenibile solo mentalmente e senza stimolo manuale). Questo tipo di quadro cosa puo' far pensare a un'impotenza mista, organica (vascolare o neurologica) o solo psicologica ? Premetto che il mio medico di base ritiene che dagli esami effettuati trattasi solo di un problema mentale che ha causato un blocco psicologico.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
gentile utente personalmente avendo cmq lei delle erezioni esluderei un problema di tipo vascolare, anche se è preferibile una visita andrologica che qualora risulti negativa per patologia allora può continuare il suo percorso diagnostico con un consulto psicosessuologico
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
gentile Utente,
mi associo al DR.Quarto nella risposta.
Le suggerisco di evitare di fare auto-doagnosi circa le sue difficoltà sessuologiche, se il suo medico ha escluso cause organiche, dovrebbe investigare le cause altre, come quelle psiciche, relazionali, emozionali ...che correlano con la caleidoscopica sfera della sessualità.
Valuti l'ipotesi di una conulenza psico-sessuologica.
Le suggerisco, ove lo ritenesse opportuno, la lettura di alcuni dei miei articoli sull'argomento.
Cari saluti
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/232/I-disturbi-dell-erezione-l-imbarazzo-del-primo-contatto
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/152/Andrologia-e-psico-sessuologia-due-discipline-a-braccetto