Utente 208XXX
gentili Medici,
sono mamma di una bambina di quasi 10 anni che pratica a livello agonistico la ginnastica artistica senza peraltro aver mai riscontrato problemi. All'ultima visita medico sportiva però è risultata una anomalia cardiaca che a seguito ecocardio di controllo ha dato i seguenti risultati:
AORTA ASCENDENTE ED ARCO NEI LIMITI. ATRIO SX NEI LIMITI. VENTRICOLO SX DI NORMALI DIMENSIONI, SPESSORI PARIETALI E FUNZIONE SISTOLICA. SEZIONI DESTRE NEI LIMITI. SETT. APPARENTEMENTE INTEGRI. VALVOLA MITRALICA CON ISPESSIMENTO E PROLASSO DEI LEMBI (SPECIE IL POSTERIORE) ED INSUFFICIENZA MODERATA (JET ECCENTRICO VERSO LA PARETE LIBERA DELL'ATRIO).
La prima domanda posta dalla bimba è se può continuare nel suo sport, ovviamente! Ma la mia preoccupazione è il futuro. A cosa possiamo andare incontro? Dobbiamo attenerci a comportamenti da malati in vista di eventuali problemi o può continuare dietro normali controlli di routine una vita normale? Potrà però peggiorare fino all'intervento? Dobbiamo trovare la causa scatenante? E come? Vi ringrazio anticipatamente!
una mamma molto preoccupata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile Signora, comprendera' che sarebbe estremamente presuntuoso da parte mia dare un giudizio netto sulla valvulopatia della sua bambina sulla scorta di un referto scritto. Sono infatti le immagini in movimento dell'ecocardiografia a poter fornire elementi utili. Purtuttavia emerge una insufficienza mitralica su una valvola prolassante in entrambi i lembi. La situazione e' quindi da tenere sotto controllo con ecografie annuali, per valutare un' eventuale progressione del rigurgito valvolare mitralico. E' fondamentale che la bambina venga sottoposta ad accurata terapia antibiotica in caso di faringiti e di infezioni anche banali cosi' come di manovre odontoiatriche, al fine di evitare rischi di endocardite.
L'attivita' sportiva intensa non giova neppure al cuore piu' sano e quindi la eviterei, mentre non vi sono controindicazioni alla normale attivita' fisica di una bambina di 10 anni
Le consiglierei di far seguire la bambina da un centro di cardiologia pediatrica e possibilmente sempre dallo stesso cardiologo ecografista in modo da qottenre, nei perioodici controlli ecografici, un'opinione piu' valida.
Cordiali saluti
cecchini
www.cecchinicuore.org