Utente 199XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 24 anni, vi espongo di seguito il mio problema:

Da circa un mese ho iniziato ad avere dolori dalla zona lombare fino alla parte alta della schiena, che sono successivamente allargati alla zona toracica, laterale e frontale.
Al tatto mi fa male sia frontalmente tra le ossa e sia lateralmente sotto le ascelle, ed è proprio li sotto le ascelle che toccandomi per testare il dolore dove fosse localizzato, un giorno addirittura ho avuto forte bruciore e non ho potuto più fare pressione al fine di attenuare il bruciore.
La mattina al risveglio, prima di andare ad urinare, ho dolore dietro la schiena e al petto.
Inoltre, questo solamente a tratti e momenti molto sporadici, con la tosse o con il respiro sento questo dolore.

Escluse complicanze cardiologiche perchè la visita ha avuto un esito impeccabile.

Ho fatto una visita dal neurochirurgo il quale mi ha detto che non sono dolori ossei ma bensì nevralgie che si estendono dalla schiena fino ad arrivare al torace e/o petto.
Quindi il dolore che sento è alla pressione dei nervi e non sono le ossa che mi fanno male.
Mi ha anche spiegato che essendo molto magro non ho grasso a protezione dei tessuti, quindi sento maggiormente un infiammazione.

Associato a questo ho molto fastidio ai muscoli del collo proprio sotto la testa.

Infine, per concludere, alla fine di ogni visita mi viene detto che non ho niente, senza toccarmi, senza analizzare meglio la zona dove ho dolore, però il dolore mi resta.
Sono in una situazione instabile..
Credo di aver descritto bene i sintomi e le zone dove sono localizzati.
Magari c'è bisogno di fare una tac o rmn?

Per favore, attendo una risposta.
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>Ho fatto una visita dal neurochirurgo il quale mi ha detto che non sono dolori ossei ma bensì nevralgie che si estendono dalla schiena fino ad arrivare al torace e/o petto.>>

Mi sembra, da qunto descrive, molto condivisibile questa ipotesi diagnostica anche perchè il collega ha avuto la possibilità di visitarla.
Perchè ne dubita ?