Utente 208XXX
salve, da parecchi anni soffro di fistola sacrococcigea e un pò per paura(ho uno caso vicino di un'amica che si è operata parecchie volte,e suo fratello ha subito lo stesso destino con ricostruzione di non so quale zona nei pressi dell'ano, se non dell'ano stesso.)l'ho sempre lasciata li.Tempo fa poi mi ero deciso a farmi visitare e su 3 medici uno ha detto di operare subito perchè potrebbe estendersi e gli altri 2 hanno detto che se non da fastidio la si può lasciare li al massimo quando fa male si fa una terapia antibiotica.
Adesso a distanza di oltre un anno..la fistola comincia di nuovo a farmi male(sarà l'aumento di temperatura?), e a secernere pus misto a sangue, ricordando i vecchi consigli ho lavato per bene la zona e applicato della crema antibiotica(gentamicina e betametasone)il tuo coperto da una garza.
le mie domande sono,innanzitutto se posso considerare un segno positivo il fatto che esca pus e sangue(ho letto che è peggio se la fistola non fa male ed è passiva.)
In più non so cosa fare...operarmi...non operarmi? non riesco a capire! per me è una situazione di disagio...ho difficoltà a stare sdraiato di schiena e quindi me ne vorrei liberare..d'altra parte ho una estrema paura di finire come gli amici miei che hanno lottato per anni.
Certo di una risposta vi porgo i miei più sinceri ringraziamenti e saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,la fistola (qualunque sia la sede)per definizione non tende ad una risoluzione spontanea.La presenza di sangue e materiale purulento,ne testimonia la fase attiva e pertanto giustifica il trattamento chirurgico.Le modalità di esecuzione(tecnica chiusa o aperta) dipendono dalla valutazione clinica e dall'eperienza del chirurgo.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Se è sintomatica l' indicazione al' intervento è corretta. Auguri!
[#3] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per le risposte, vorrei sapere se cmq il trattamento con la crema antibiotica è corretto e se è il caso che mi operi prossimamente considerata la temperatura stagionale in aumento.Devo aspettare la stagione invernale? E in ogni caso da qui a dicembre se si dovesse ripresentare il gonfiore(che attualmente è sparito) cosa posso fare? Di nuovo Vi porgo i miei saluti.
[#4] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Sono tante le variabili che possono condizionare in senso positivo o negativo il decorso di una patologia.Pertanto dirle con certezza che fino a dicembre non avrà problemi,sarebbe una "veggenza" e non una cosulenza.
Saluti
[#5] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
questo lo so, la mia domanda era sul come "temporeggiare" fino a dicembre in caso di problemi. continuo con gli antibiotici?
[#6] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Non esiste profilassi antibiotica all'infinito,se decide di temporeggiare ne farà ricorso al bisogno e preferibilmente sotto controllo medico.
Saluti
[#7] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
perfetto..è stato molto gentile. La ringrazio.