Utente 209XXX
Buonasera,
ho 41 anni e ad inizio anno, dopo delle analisi che hanno evidenziato dei valori di colesterolo alti (311), ho ripreso un regime di alimentazione controllato ed ho cominciato a fare un po' di attività sportiva. durante la settimana un po' di corsa e nel we esco con la bici da corsa per qualche ora. Dopo circa 6 mesi, considerato che le uscite si sono fatte sempre più lunghe (circa 3 ore con frequenza cardiaca a circa 120-150), ho fatto un po' di controlli per verificare che potessi continuare tranquillamente...
Dallo scorso anno, l'ecg fatto la mattina dopo sveglio, è passato da 74 a 45.
Posso ritenerlo normale e continuare tranquillamente?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L'allenamento, specie se cosi' intenso come lei descrive, porta ad avere frequenze cardiache basali, cioe' a riposo, estremamente basse.
E' tipico dei soggetti che appunto fanno esercizio fisico prolungato; se poi lei mi chiedesse se cio' faccia bene o meno la risposta sarebbe piu' complessa.
Cordailita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 209XXX

Iscritto dal 2011
Gent. Dott. Cecchini,
grazie per la celere risposta.
Come può mmaginare, sono curioso sulla parte "complessa" della risposta.
Mi piacerebbe capire quanto devo muovermi (ed anche i regimi di bpmche dovrei tenere) per poter tenere ben allenato il mio cuore.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il cosiddetto "cuore d'atleta" e' definito quel cuore che lavora su volumi piu' elevati. Il ventricolo sinistro riesce a far frionte all'aumento di portata richiesto dai muscoli con una aumento del volume ventricolare e questo gli permette di avere una frequenza minor. L'aumento del volume del ventricolo sinistro comporta un aumento dello stress parietale sistolic e diastolico; considerando che le coronarie che nutrono il muscolo non aumentano il loro calibro e quindi la loro portata, oltre un certo limite si ha uno squilibrio tra domanda ed offerta. Questo e' talemnte vero che gli atleti professionisti, specie di specialita' di durata, raramente sono longevi.
Del resto e' anche intuitivo che far pompare un cuore ad una frequenza tre volte superiore alla frequenza basale non possa far bene.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 209XXX

Iscritto dal 2011
Quindi il suo suggerimento qual'è?
Un allenamento corretto che frequenza cardiaca prevede e per quanto tempo può essere portata avanti un'attività aerobica?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Tenga conto che la frequenza massimale per un uomo della sua eta' e' considerata circa 150 bpm. Il resto e' buon senso, e cioe' comprendere che nessun motore o pompa fatta "lavorare" al numero massimo di giri per lungo tempo dura di piu'.
Saluti
cecchini
www.cecchinicuore.org