Utente 209XXX
Buongiorno.
Il mio ragazzo, di 33 anni, si è recato in visita da un andrologo per un controllo generale.
Gli è stato diagnosticato un varicocele di II livello e una prostatite che, da come è emerso, si trascina da qualche anno in quanto non diagnosticata dal precedente andrologo.
Per verificare se tutto ciò abbia danneggiato o meno la qualità dello sperma, l'andrologo da cui è in cura adesso gli ha ordinato un esame del seme e ha comunicato al mio ragazzo che sua fertilità non è in pericolo semplicemente osservando il suo sperma al microscopio.
La mia domanda è: basta osservare un campione di seme al microscopio per accertarsi che la fertilità non sia compromessa?
Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signore,
lo spermiogramma si fa così guardando il seme al microscopio. Per cui niulla da abbiettare.