Utente 427XXX
Buonasera dottori,
trovo solo ora il coraggio di scriverle per un mio problema.
Sono un ragazzo di 22 anni (fidanzato stabilmente da 3) e sin da quando ho iniziato ad avere i primi rapporti sessuali (16anni circa) ho riscontrato qualche problema : precisamente, il più delle volte capita di non riuscire a mantenere l’erezione durante la penetrazione (in particolare) e in generale nei momenti di attesa (ossia quando non c’è stimolazione continua, anche per prendere il profilattico ad esempio).
Ovviamente con il tempo è diventato anche un problema psicologico, nonostante parta sempre in modo abbastanza positivo e con la convinzione che tutto andrà per il meglio..ma poi basta..che si afflosci un pò, che entro nel panico e devo fermarmi per provare a rimediare masturbandomi e concludere a fatica il rapporto.
Premetto che non ho mai avuto altri problemi di tipo medico, che non faccio abuso di alcool, droghe o medicinali di qualsivoglia tipo e infine che la notte riesco ad avere erezioni (nonostante non siano molto vigorose e non durino molto)..mentre anche durante la masturbazione, basta 1attimo di distrazione e finisce tutto..
Dunque la mia domanda è : c’è un qualche gel o una qualche pillola (o non so se può consigliarmi integratori, strumenti naturali) che possano aiutarmi a risolvere il problema (sia a livello permanente, dal punto di vista fisico, che psicologico dandomi almeno fiducia per superare il problema psicologico) ? E per rimedi, intendo qualcosa di più “regolare” rispetto al comune viagra da assuremere programmando ora e data in cui si vuole avete il rapporto..la cosa non mi aiuterebbe
Ringrziandovi anticipatamente,
saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la medicalizzazione di un rapporto sessuale,qualsiesi sia il medicinale,presuppone il ricorso ad una rigorosa diagnosi che,nel Suo caso,si ridurrebbe ad una visita , ad inquandramento ormonale ed,eventualmente , vascolare.Solo in tal modo sara' possibile quantificare la quota di ansia che,fatalmente,si instaura in casi simili.Considerato il tempo trascorso nel disagio,Le consiglieri di parlarne con il medico di famiglia e di consultare un esperto andrologo.Cordialita'.