Utente 209XXX
Buon giorno, sto attraversando un brutto periodo psicologico dovuto ad un operazione effettuata a Febbraio 2011 per la lacerazione al frenulo.
A Febbraio sono andato dall'adrologo il quale mi riscontra la lacerazione del frenulo, quindi con molta serenità mi prospettava un piccolissimo interveto da fare, che feci direttamente presso il suo ambulatorio.
L'intervento consisteva nel taglio del frenulo e il successivo allungamento e dopo curca 5/6 punti.
Mettevo ogni giorno il gentalyn beta, e finalmente dopo circa 10 giorni mi sono recato ppresso l'ambulatorio per togliere i punti (prima spalmò sulla parte la pomata emla per non farmi sentire dolore).
Ho aspettato circa 2 mesi, quando ad Aprile ho avuto il primo rapporto, non riesco ad esprimere il dolore, lo stesso dolore che avevo quando avevo la lacerazione del frenulo e avevo rapporti, quindi mi recai nuovamente dal dottore e mi disse che il dolore era normale e che la ferita doveva diventare elestica e anzi mi consigliava di continuare ad avere rapporti per allenare la parte, mi diete pure una pomata "fitostimoline" che applicai per circa 2 settimane.
Dopo riprovai ad avere rapporti, ma la situazione non era minimamente cambiata, al momento della penetrazione ok, ma man mano che il pene raggiungeva il massimo dell'erezione dovevo smettere il dolore era lancinante.
Tornai dal Dr e si convinse che forse un punto aveva reso una parte piuttosto rigida e dura e che era meglio toglierlo con una microincisione.
Altro intervento fatto ad inizio Aprile:
Mentre operava si accorse che sotto questo durone la ferita aveva creato un vaso sanguigno che bruciò immediatamente, non mi diete punti per evitare il riformarsi di cicatrici e mi ha detto che stavolta la guarigione era più lenta (mancanza d punti) ma che sicuramente il risultato sarebbe stato ottimale.
Ogni sera pulivo la parte con acqua ossiggenata e gentalyn beta mettendo anche la connettivina.
Finalmente la ferita era guarita del tutto quindi potevo "provarlo", l'incubo appena penetrai il dolore la sensazione di tiraggio era pazzesca, mi veniva da piangere credetemi, tornai sconvolto dal dr e lui mi disse che è del tutto nornale che al momento per avere rapporti devo mettere nella parte la pomata emla così da una parte mi godevo il rapporto e contestualmente allenavo la zona, ho provato anche questa ma vi assicuro che è strano avere un rapporto non sentendo nessun piacere in quanto è un' anestetico.
AIUTATEMI CHE DEVO FARE?
Sto veramente male con me stesso e ovviamente con mia moglie.
Convido in una risposta che mi possa dare serenità e chiarimenti veri.
Grazie a tutti anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,da questa postazione telematica e' estremamente difficile poter formulare un'ipotesi diversa da quella prospettata dal chrurgo operatore.
La invito,quindi,ad avere ulteriore pazienza...Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 209XXX

Iscritto dal 2011
Quindi devo ancora attendere? ma può il problema risolversi da solo?

Nel contempo che pomata o crema posso mettere sulla parte per non avere fastidio però nel contempo non addormento del tutto la zona?
Perchè mi creda con emla non sento nessun piacere, esiste un lubrificante o qualcosa di simile?

Leggevo che esiste anche la pomata Luan, ma che differenza c'è con emla?

Grazie sempre