Utente 180XXX
buon giorno
sono una donna di 47 anni, a causa di un ernia al disco intraforaminale mi è stata prescritta una terapia dapprima cortisonica soldesam 8mg per 5 giorni soldesam 4mg per altri 5 giorni, siccome il dolore era comunque insopportabile il medico mi ha prescritto transtec 35mg cerotto, e co efferalgan 1 o 2 al giorno,è circa una settimana che prendo cerotto + coefferalgan ma da ieri sera ho notato che respiro con fatica ho mal di testa e sonnolenza nausea e come un tremore interno ho paura che sia stato troppo cosa devo fare poichè oggi il mio medico non c'è?
grazie per l'aiuto che vorrete darmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, solo ora ho la possibilità di collegarmi e di leggere il suo post.
Effettivamente alcuni dei sintomi che lamenta potrebbero ricondursi ad una forma se non di sovradosaggio, almeno di effetto collaterale dei morfinici. E' difficile dare un consiglio a distanza e senza poterla valutare da vicino, poi sono passate diverse ore dal suo messaggio, per cui probabilmente ha già fatto qualcosa o la situazione è cambiata, se così non fosse e vuole, ci scriva ancora.
Cordialmente.
[#2] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2010
gentile dottoressa Martin,la ringrazio per aver risposto,la situazione è rientrata nel corso della serata di ieri dopo aver sospeso il co efferalgan, rimane però il problema del dolore che non so come gestire, dopo tre settimane bloccata a letto completamente, sono in attesa di ricovero per operazione,il neuro chirurgo mi ha detto che ci vorranno dai 15 ai 20 giorni. so che lei difficilmente senza vedermi potrà aiutarmi però io comunque provo a dirle la terapia fin qui intrapresa dopo soldesam iniezioni per 10 gg mi hanno dato deltacortene 25mg per bocca per 6 gg poi a scalare per 5 gg mezza compressa e ora un di si e un di no mezza cp fino a martedi,prendo pantorc 40 come protezione, mi chiedevo se potesse essere una buona cosa sostituire il cerotto transtec 35 con dicloreum 150 per qualche giorno sperando di poter in seguito controllare il dolore solo con co efferalgan, secondo lei posso tentare? purtroppo in questa circostanza la latitanza del mio medico è imperdonabile è venuto una sola volta a vedermi su mia insistenza senza per altro visitarmi al telefono mi ha detto che la terapia è questa e non c'è altro, a me sembra incredibile che in un paese come il nostro una persona in difficoltà non trovi assistenza ne presso il medico ne tanto meno presso l'ospedale che dopo una flebo mi ha rispedito a casa senza nemmeno farmi la rm nonostante bollino verde,ho dovuto fare un altro penoso viaggio in un altro ospedale, scusi per l'amaro sfogo dottoressa, voi siete veramente un servizio prezioso, la ringrazio di cuore.
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile Signora buon giorno, se non ho mal interpretato lei ha sospeso il co-efferalgan mantenendo il cerotto ed i sintomi sono praticamente scomparsi: questo ha un senso in quanto il co-efferalgan contiene codeina, farmaco che poteva potenziare il cerotto. Attualmente quindi ha solo il cerotto credo e sarebbe utile sapere come vada il dolore.
In linea di massima non mi pare prudente, data la intensità della sintomatologia dolorosa riferita, sospendere il cerotto sostituendolo con il Dicloreum, che è diclofenac (antinfiammatorio), se la sintomatologia che lamentava è scomparsa solo sospendendo il co-efferalga.
Se tollera il solo cerotto lo tenga poichè l'altro farmaco, da solo, potrebbe non bastare.
Un consiglio potrebbe essere quello di chiedere un parere al neurochirurgo, lui infatti potrebbe indirizzarla al Servizio di Anestesia della struttura dove opera. Li i colleghi potrebbero rivedere e modulare la sua terapia antalgica in quanto è lungo il tempo che deve aspettare per l'intervento e lei lamenta la latitanza del suo medico, che però non è nemmeno credo uno specialista del dolore come noi anestesisti.
Per quello che è possibile spero di esserle stata utile, le faccio i nostri auguri e la saluto cordialmente.
[#4] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2010
gentile dottoressa grazie per la celere risposta, lei ha perfettamente interpretato, seguirò il suo consiglio, mi metterà in contatto col neuro chirurgo, le auguro buona giornata e la ringrazio di nuovo.