Utente 497XXX
Buongiorno
Sono un ragazzo di 26.. ultimamente sto notando un disagio che ormai continua da circa 1 mese.. ogni volta che cerco di avvere un rapporto sessuale con la mia partner non rieso a mantenere l’erezione o meglio dire spesso anche l’ erezioe cho ho non ha una durezza consistente, in più in quest ultimo mese appunto anche se per un’ instante riesco ad avere una certa durezza nell’ erezione, poco prima della penetrazione invece che riuscire in quest ultima avviene l’essatto contrario, perdo lo stimolo e quindi ne deriva un afflosciamento del pene.. le volte che mi sono sforzato con stimoli esterni dicciamo di tatto sia orale che manuale sono riuscito ad avere la penetrazione e quindi anche un mantenimento della durezza del pene anche perchè stimolato dalla vagina ( avviene anche l’ eiaculazione). Premetto che durante quest ‘estate ho un po abusato del rapporto sessuale o meglio dire essendo che ho cambiato partner ogni momento andava bene per avere un rapporto (con una frequenza giornaliera di rapporto e spesso e volentieri piu di una volta al giorno) e appunto per 4 mesi le cose anavano benissimo.. in conclusione adesso è come se fossi scarico, quindi la volgia mentale di avere un rapporto c’è ma come se mancasse però il testosterone.. è una cosa normale?? A chi devo rivolgermi per un consulto piu approfondito ..
Ringrazio anticipatamente ...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non metta troppa carne al fuoco e si abitui a ritenere ciò che accade come un fatto assolutamente possibile.E' chiaro che si é instaurata una fase nevrotica di ricerca del benessere sessuale finalizzata al coito vaginale.Le consiglio di privilegiare qualsiesi tipo di rapporto,orale,manuale etc. senza avere come obiettivo finale quello vaginale.Comunque le "cartucce" non si consumano.Per chiarirsi dei dubbi sulla sua genitalità riproduttiva e sessuale,Le consiglio di rivolgersi ad un andrologo (Trento ne é fornita).
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 497XXX

Iscritto dal 2007
la ringrazio Dot. Izzo per la sua risposta..
per quanto riguarda ilmio problema non è che io non privilegio qualsiasi altro tipo di rapporto, il fatto sta che non riesco a avere una durezza consistente come avveniva circa un mese fa, che non avevo bisogno di tanti stimoli.. cioè la mia domanda appunto era questa se effettivamente dopo un periodo di temesta ci puo stare una situazione simile o devo preoccuparmi in quanto una disfunzione??..
[#3] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro utente

La disfunzione erettile nel giovane è raramente legata ad una problematica di tipo organico, infatti spesso ha alla base dei fattori psicologici scatenanti, per questo motivo se il problema dovesse persistere le consiglio di effettuare una visita specialistica nel centro più vicino

odiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

non sono assolutamente d'accordo con la teoria che nel giovane non ci possano essere problematiche organiche.
Consulti un buon andrologo che potrà valutare il suo caso
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 497XXX

Iscritto dal 2007
ringrazio tutti i dott. che si sono interessati al mio caso...
in particolare anchora il dott. Izzo che ha colto in pieno il mio problema... in effetti una volta distolto l'attenzione da cio che si presupponeva il mio obbiottevo finale (coito vaginale) del rapporto, le cose sono cambiete nel verso giusto...
grazie ancora della consulenza
buona giornata
[#6] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
E quind non aveva alcuna patologia organica.

Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 497XXX

Iscritto dal 2007
esatto dott. Vicini era solo un fattore psicologico come sosteneva anche lei.. comunque non ho ancora effettuato alcun tipo di analisi sino ad ora, questa settimana sono libero e quindi sara quella giusta per pottermi rivolgere a un centro analisi.. grazie ancora della vostra consulenza.. buona giornata
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
se posso aggiungere un consiglio ulteriore a quelli dei colleghi che mi hanno preceduto ,vista la sua "giovane" età, approfitti di questo "disturbo-malessere" , per conoscere finalmente , se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia. Impari dalla sua compagna o dalle sue amiche che sicuramente ,già da anni, conoscono il loro o la lora ginecologa.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org