Utente 210XXX
Buongiorno,

la settimana scorsa ho avuto un forte mal di gola (specifico che il dolore era iniziato da qualche giorno ed era via via aumentato) ; il dottore aveva diagnosticato un'angina rossa e mi aveva dato dell'ibuprofene ma durante la notte il dolore è aumentato ed avevo anche molto male nelle orecchie. Il giorno dopo il dottore (un sostituto) mi ha detto che avevo un'angina bianca e che dovevo prendere l'amoxiciliina. Preciso che avevo anche i linfonodi del collo ingrossati. Mi ha dato inoltre del paracetamolo + codeina per il dolore.

La sera stessa, dopo alcune ore dalla prima dose di antibiotici, ho avuto nausea, brividi e febbre a 38. Il giorno dopo mi sono svegliata coperta di piccoli puntini rossi e prurito su tutto il corpo. Ero inoltre un po' gonfia soprattutto sul viso. Ho comunque preso un'altra dose di antibiotici e dopo un po' ho avuto di nuovo la nausea.

Ho chiamato un dottore che mi ha detto che forse avevo la mononucleosi e il rash era la reazione tipica della malattia alla penicillina, oppure era una reazione allergica all'antibiotico.
Il giorno dopo (ancora più gonfia e sempre col il prurito ma con meno dolore alla gola) sono tornata dal dottore che mi ha fatto un prelievo della gola per vedere se c'era un'infezione batterica e non c'era niente; inoltre ho fatto le analisi del sangue ed è risultato che:

IgG citomegalovirus positivo
IgM citomegalovirus negativo

IgG mononucleosi positivo
IgM mononucleosi negativo

IgG toxoplasmosi negativo
IgM toxoplasmosi negativo

IgG rosolia negativo
IgM rosolia negativo

Ma :

Proteina C reattiva = 76,60 mg/L

L'esame ematologico era perfetto.

Si potrebbe concludere che ho avuto un'infezione batterica ed in seguito un reazione allergica all'antibiotico ? In questo caso perché il prelievo fatto dal dottore era negativo ? Gli antibiotici avevano già fatto effetto ?
Se invece non è stata un'infezione batterica + reazione allergica, quali altre spiegazioni ci possono essere ?
Potrebbe essere stata una reazione alla codeina ?
Grazie mille per l'aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Paziente,
Le cause della negatività del tampone faringeo possono essere diverse.

1) E' presumibile che il tampone faringeo fosse per la ricerca semi-istantanea dello Streptococco. Tale esame dà solo risposte sulla presenza, o meno, di tale battere.

2) Anche se fosse stato eseguito un tampone per la ricerca degli altri batteri, c'è da considerare che tale metodica diagnostica può dare risultati negativi se non si è "fortunati" nel corso del prelievo, toccando aree del faringe in cui sia effettivamente presente il battere responsabile dell'infezioni.

3) E' possibile, infine, che la sua faringite fosse di origine virale ed il tampone faringeo non riesce ad individuare tali agenti patogeni.

In merito al sospetto di reazione allergica all'amoxicillina, l'unico modo per dirimere il dubbio è quello di sottoporsi ai test allergometrici specifici presso un centro specializzato.

Per maggiori informazioni può consultare l'articolo al seguente link: http://verna.blog.tiscali.it/2007/08/04/allergie_e_reazioni_avverse_da_farmaci_1786859-shtml/

Cordiali saluti,