Utente 204XXX
Buonasera,da alcuni mesi ho iniziato a sentire un po di fastidio al testicolo destro e quando ho un erezione sento un po di dolore sulla parte destra del pene vicino allo scroto. Da una visita andrologica,che mi ha trovato nella norma, mi è stato detto che il problema può essere causato da una irritazione del nervo genitofemorale. Ho fatto una eco scrotale dove mi hanno trovato un leggero varicocele di primo grado a sinistra. Ho fatto una RMN lombo sacrale che mi ha trovato una piccola ernia discale in sede medio laterale destra tra L1 e L2.
Piu o meno nello stesso periodo ho iniziato ad avere dei problemi di eiaculazione precoce. Volevo chiedere se è possibile che un irritazione del nervo genito femorale(o comunque dei nervi che interessano la zona) possa causare un'eiaculazione precoce. Grazie per la risposta
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

non faccia correlazioni azzardate e non facilmente dimostrabili e senta in diretta ora un esperto andrologo.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.



[#2] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per avermi risposto dottore.

E' proprio leggendo l'articolo che mi ha indicato che mi sono posto la domanda. Ho 37 anni e solo un paio di volte nel passato mi è capitato questo disturbo, di solito quando avevo una partner nuova ma si risolveva presto. Il mio medico dice che è un problema di natura psicologica..può essere o lo può certamente diventare ma volevo comunque valutare tutte le possibilità. Anche quella neurologica. Lei mi consiglia una visita andrologica in questo caso?


[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Certo, è il primo passo da fare.

Sarà lui poi, dopo attenta valutazione del suo reale problema clinico, che le indicherà i successivi passi diagnostici da fare e poi, fatta la diagnosi, le eventuali terapie mirate.