Utente 727XXX
Gentilissimi Dottori,
Sono un ragazzo di 36a e ho una tetraplegia spastica incompleta a causa di un incidente circa 18anni. A causa della mia erezione incompleta con non sempre una iaculazione, sono andato da un andrologo anni fa che miconsigliò di fare autoinieizioni sul pene con farmaci vasoattivi FIC a bassi dosaggi dicendomi che era la terapia con meno effetti collaterali e la più adatta al mio caso (non ho rapporti fissi ne faccio una ogni 1-2mesi). Oggi le cose sono cambiate e vorrei sapere se potrei fare altro, come ad esempio viagra o altro per evitare le iniezioni che sono dolorose e soprattutto, essendo una persona ansiosa, la cosa che mi da meno effetti collaterali. Grazie del servizio che offrite, siete tutte persone meravigliose..Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
credo che il suo caso possa valersi della nota per le FIC per cui il farmaco glielo passano.
per avere il migliore consiglio si altri eventuali farmaci, l'esenzione e le ricette le conviene farsi vedere in un reparto ospedaliero della sua città.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 727XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dottore per la sua celerità nella risposta, il problema è che ognuno ha una propria convinzione quindi vorrei cercare la terapia con minor effetti collaterali tra le iniezioni o le compresse. Ho sentito parlare anche delle prostaglandine, sono sempre inizioni locali, vero? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
si,le prostaglandine ci sono.
la scelta dovrà farla comunque col medico. non vorrà fare da solo, spero:))?
cordialmente
[#4] dopo  
Utente 727XXX

Iscritto dal 2008
Certo, Dottore! Mi sono sempre rivolto ad Andrologi. Il mio consulto era solo per aver un consiglio in più per saper come meglio orientarmi nel risolvere il problema ma, soprattutto per avere meno effetti collaterali visto che per la mia patologia già prendo altri farmaci.. Grazie ancora di tutto. Distinti saluti
[#5] dopo  
Utente 727XXX

Iscritto dal 2008
Dottore scusi se la ridisturbo ma è vero che il viagra e il cialis potrebbero provocare cecità? Grazie!
[#6] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
salve.
no, non è vero.
cordialmente
[#7] dopo  
Utente 727XXX

Iscritto dal 2008
Dottore grazie ancora per la disponibilità, pazienza e gentilezza.. Buona serata
[#8] dopo  
Utente 727XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dottore,
Sono stato dall'Andrologo il quale mi ha consigliato di prendere il LEVITRA una compressa da 10mg a giorni alterni e vedere come va, mi ha assicurato che come effetti collaterali potrei avere solo un pò di rossore al viso ma di stare tranquillo cmq, mi ha dato lo stesso due autoiniezioni vista la mia paura per il farmaco. Leggendo il foglietto però ho visto che anche il Levitra potrebbe causare danni agli occhi e altro come gli altri quindi non so cosa fare: tenendo anche conto che per ora ho un solo rapporto a settimana, sono + rischiose le iniezioni o il farmaco? I farmaci che prendo sono il lioresal, antra 20mg, saltuariamente antinfiammatori, LEVOPRAID E Protelos..Grazie
[#9] dopo  
Utente 727XXX

Iscritto dal 2008
In assenza del Dottor Biagiotti, c'è qualche altro Medico che potrebbe esprimere un parere su questa cura? Grazie!
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

l'assenza del collega Biagiotti penso sia legata alle questioni cliniche troppo "particolari" e specifiche che lei pone in presenza di un problema clinico complesso che difficilmernte può essere sviscerato e ben analizzato via internet.

Da questa postazione dobbiamo dirle di seguire ora le indicazioni del suo andrologo che sicuramente avrà valutato se, per la sua situazione clinica generale e particolare, le misure terapeutiche date hanno un rischio ragionevole nel "causare danni agli occhi e altro"; del resto anche le autoiniezioni di farmaci vasoattivi possono dare qualche problema clinico, soprattutto se non è stato seguito un breve periodo di apprendimento (modalità di utilizzo del farmaco, dosaggio da utilizzare, ecc), a livello dei corpi cavernosi.

Quindi le consiglio di ritornare dal suo andrologo e con lui ridiscutere tutte le questioni da lei sollevate in questa sede e che da questa postazione purtroppo ci è difficile comprendere per bene.

Nel frattempo, se desidera comunque avere più informazioni su questi temi le consiglio di consultare anche l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/216-sessualita-fertilita-traumi-vertebro-midollari.html .

Un cordiale saluto.