Utente 125XXX
Gentili medici,
sono un ragazzo di 35 anni, una recente ecografia all'addome ha rilevato "prostata normodimensionata a morfologia globosa per verosimili esiti flogistici", regolare tutto il resto. Da più di un anno accuso calo della libido/disturbi erettili e un più frequente bisogno di minzionare, soprattutto notturno, anche se a cena limito le bevande. Siccome ho assunto Finasteride 1mg/die ogni sera prima di coricarmi per più di un anno (contro principio di alopecia androgenetica, con decisivo miglioramento), vorrei sapere se i disturbi accusati sono verosimilmente causati dalla possibile prostatite (pregressa o in corso? Non ho però mai avuto i sintomi tipici della prostatite come dolore o bruciore, inoltre l'intestino è regolare e l'alimentazione mi pare sana), o dalla Finasteride, e infine se vi possa essere nel mio caso un nesso tra prostatite e finasteride. Mi fa riflettere il fatto che - interrotta la fina da circa 3/4 mesi - i problemi andrologici sono solo lievemente migliorati (e ripeggiorata l'alopecia)... che dipendano quindi dalla possibile prostatite? Ma poi non avendo sintomi dolorosi l'eco indica per forza una prostatite? Sono un po' confuso, grazie per l'aiuto!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

la confusione nel suo post è purtroppo sovrana.

Comunque i problemi sessuali da lei lamentati potrebbero avere una possibile base nell'utilizzo della Finasteride mentre difficile pensare che una prostatite "fantasma" sia capace di scatenare questi problemi.

Comunque ora senta in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.