Utente 211XXX
Salve,
fin da piccolo ho avuto problemi con le orecchie a causa di otite perforante e sono da subito venuto a contatto con specialisti del settore.

Orecchio DX - 3 operazioni(2 di timpanoplastica e una di staffa) con udito attualmente al 50%

Orecchio SN - timpanosclerosi con udito perfetto ma con timpano retratto verso l'interno (formazione di "sacca" con parte finale non visibile nemmeno a telescopio).

Con l'orecchio sinistro (unico funzionante) Sono stato bene 15 anni (più o meno) fino a che non si è verificato presenza di catarri. Un problema che va avanti da due mesi circa.
Cortisone, antibiotici, fluimucil, cateterismi tubarici (circa 8 applicazioni) e cure classiche.
Sono stato bene 3-4 giorni e poi si sono riformati (da due mesi a questa parte).
Essendo l'unico orecchio con il quale sento è chiaro che anche la minima presenza mi stravolge l'udito.

Quello che sta accadendo adesso all'orecchio sinistro però è strano. Mi sveglio la mattina, senso di pienezza, di pressione, sento muovere qualcosa se mi soffio il naso, sento "schioccare" e cambiare la "qualità dell'udito" se faccio pressione sull'orecchio.

Quindi Rifaccio la visita specialistica di controllo mercoledi pomeriggio (nel momento della giornata in cui sto meglio), ma lo specialista non vede presenza di catarri (eppure mi sembra di sentirli).
Il timpano non presenta infiammazione.
Non riesco a fare l'impedenzometria (ma questo da sempre) per cui si prospetta una microperforazione nella zona del timpano che non si riesce a vedere...ma se c'è c'è da anni, visto che quando salgo in montagna l'orecchio non ha bisogno di compensare come l'altro.
Faccio l'esame audiometrico il giorno stesso della visita e l'udito è perfetto (fra 10 e 20 db.) Faccio l'insufflazione e mi sembra addirittura di stare meglio, l'aria arriva benissimo al timpano. Il medico che esegue l'insufflazione non avverte aria che esce dall'orecchio e mi esclude la perforazione. La sera stessa mi sembra di stare bene

La notte stessa altra crisi e mi risveglio al mattino con sensazione di pienezza, pressione sul timpano, sento movimenti, (se mi soffio il naso ancora di più), sensazione che mi dura ormai da tre giorni.
Lo specialista richiede esame audiometrico e visita al mattino presto...

LA situazione però sta diventando insopportabile, non riesco più nemmeno a lavorare, nè ad andare in macchina (il rumore del motore rimbomba nella testa). Anche la voce tende a rimbombare. La qualità dell'udito cambia continuamente se mi tocco l'orecchio, continua il senso di pienezza e movimenti interni.

Chiedo:
1) è possibile che ci sia catarro più denso del solito all'interno dell'orecchio medio (e non nella tuba), ma non riesca a defluire dalla tuba stessa?

2) Problemi di tuba?

GRAZIE!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Ruosi
28% attività
0% attualità
4% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Possibile, faccia un ciclo completo di insufflazioni con metodica Politzer presso una struttura termale (12 sedute prescrivibili dal medico di base curante per sordità rinogena) se non le fosse possibile pratichi tutte le sere una ginnastica tubarica adoperando Otovent: sono dei particolari palloncini da comprare in farmac.
ia che vanno gonfiati con il naso
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la gentile risposta!