Utente 210XXX
Salve a tutti, sono un ragazzo di 18 anni scoperto dall'antitetanica da 12anni. Non avendo avuto tempo nel ultimo mese mi sono ferito due volte, la prima volta mi hanno fatto l'iniezione di immunoglobuline antitetaniche, e a distanza di 25 giorni per sicurezza me ne hanno fatta un altra siccome ho avuto un altro atteggiament a rischio. La mia domanda e...Rischio qualcosa? Puo essere considerato un "sovradosaggio"? io non me ne intendo di queste cose, sono sempre stato restio ad assumere farmaciin generale. Cosa potrei aver rischiato con queste due iniezioni cosi ravvicinate? (25 giorni di istanza l'una dall'altra) vi ringrazio per le risposte e spero di trovare un po di tranquillita.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non rischia assolutamente niente. £ settimane di distanza sono tante. Conviene però fare la vaccinazione antitetanica se ha bisogno così frequentemente della protezione.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
grazie mille dottore pe rla cordiale risposta. Quindi a distanza di 25 giorni non corro nessun rischio ad essermi fatto somministrare quest ultime? Tipo troppi anticorpi o cose strane? In prima ipotesi ho solamente pensato. un farmaco. Inietta. Gia 2 volte in un mese quasi. Non fa di certo bene.
[#3] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non c'è nessun problema perchè le immunoglobuline della prima somministrazione sono già scomparse.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
grazie mille della risposta, potrei cordialmente chiedere quanto e l'emitivita delle immunoglobuline nel sangue? e da cosa sono composte esattamente?
[#5] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Dottori, un utente di un sito il quale posti domande e ricevi risposte in base alla mia domanda ha affermato questa cosa: Il nostro sistema immunitario è in grado di reagire contro qualsiasi sostanza estranea che noi introduciamo nel sangue, solo che non sa distinguere tra una cosa "cattiva" come il tetano e una "buona" come le immunoglobuline protettive, perché per lui sono entrambe cose "cattive" in quanto non appartengono al tuo corpo. Quindi per quando le Ig di cavallo/coniglio possano essere affini a quelle umane, ci sono delle piccole differenze che alla lunga possono creare dei problemi (es: tu prendi il batterio tetanico, ti somministrano le Ig animali contro il batterio, il tuo corpo reagisce contro le Ig animali perché è già stato sensibilizzato parecchie volte, ossia l'esposizione ripetuta gli ha permesso di accorgersi che quelle Ig non sono tue ma del cavallo. Risultato: il batterio vince e tu resti paralizzato perché il corpo ha distrutto l'aiuto.) Cmq per la cronaca ora le Ig dovrebbero essere umanizzate il più possibile grazie alla creazione di ricombinanti e all'uso della biologia molecolare, o cmq dovrebbero essere una miscela di vari animali per evitare episodi di cui sopra...
L' informazione e veritiera? Mi devo preoccupare seriamente quindi? Oltretutto non ho ben capito la sua spiegazione
[#6] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Assolutamente falso. Le immunoglobuline sono anticorpi che ci prteggono dalle malattie e quindi sono la nostra difesa. Hanno un'emivita di circa 3-4 settimane.
Cordiali saluti