Utente 281XXX
Spett. Dottori,
sarà breve. Ho 25 anni. Sei anni fa ebbi la mononucleosi che mi "rovinò" le tonsille facendole divenire criptiche. Questo causò un indebolimento generale del sistema immunitario che mi porta ad avere frequenti influenze, mal di gola, ecc. Il mio otorino mi sconsigliò l'intervento e mi fece fare una cura di diaminocillina e di altri farmaci per rafforzare il sistema immunitario. Tale cura fece il suo effetto per circa due anni. Quest'anno però, i problemi sono tornati. Questa volta l'otorino mi consiglia l'intervento di asportazione delle tonsille. Purtroppo ho anche una forte allergia ai pollini che mi si scatena da marzo a luglio. L'allergolo quindi, mi ha avvisato della non utilità dell'operazione in quanto (tolte le tonsille) mi ammalerei comunque a causa dell'allergia stessa. Secondo voi l'intervento di tonsillectomia è indicato?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Credo che con le tonsille di cui mi dice sia necessaria l'asportazione e per l'allergia oltre alla terapia medica sia necessario fare dei vaccini antiallergici dai quali avrà sicuramente una risposta efficace.
Già è allergico certamente non le passerà e le si attenuerà per miracolo.
Io le inizierei subito e senza perder tempo una terapia iposensibilizzante specifica valutando a quali pollini è sensibile al fine di migliorare la qualità di vita e impedire l'instaurarsi di un processo cronico irreversibile.
[#2] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio Dott. Corica,
solo una precisazione: io gia effettuo un "vaccino" spray (TILADE) da febbraio fino a giugno. Lei intende questo come vaccinazione? O qualcos'altro?
Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Lo spray che fa è sodio nedocromile, un farmaco preventivo che si da solo per la sua azione antinfiammatoria comunque alquanto debole e per un periodo limitato. Non si tratta di un vaccino.
I vaccini antiallergici si somministrano per un periodo che va dai 3 ai 5 o piu' anni al fine di desensibilizzare il soggetto dalle sostanze a cui si è particolarmente sensibili.
Chi la ha visitato credo non le abbia dato delle adeguate informazioni.