Utente 748XXX
Buongiorno,
scrivo qui per richiedere una piccola delucidazione su alcuni sintomi di cui soffro ultimamente: nelle ultime 2 settimane presento un dolore diffuso e mediamente forte ma di breve durata (da 10 a 30 minuti) nelle zone dell'ipocondrio sinistro, dell'epigastrio e raramente negli altri settori addominali; questo dolore è mediamente forte, non sempre continuo ma spesso altalenante, diventando difficilmente (ma ancora) sopportabile nei momenti peggiori. L'addome mi risulta gonfio ma non teso, devo ammettere però che ultimamente, per impegni di studio, non posso praticare sport e simili. Le feci sono più molli del solito ma non liquide, normocolorate e senza presenza visibile di sangue; non sono sinceramente riuscito a distiguere un'eventuale presenza di parassiti causa residui fecali indistinguibili. Mangio di tutto, anche se ultimamente la mia dieta è stata ricca di lipidi e proteine; non accuso di cali di peso o di altri disturbi, non prendo farmaci anche se fino a un mese e mezzo fa prendevo Clever 10mg 2 pasticche al giorno e Bentalan 1mg 2 pastiglie a calare nei giorni successivi causa allergia ad un allergene sconosciuto.
Scrivo qui previa visita medica dal mio medico di famiglia per un mio dubbio di eventuale ed urgente patologia (ipotesi, si intende!)e Vi ringrazio per l'attenzione concessami!
[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività +60
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Questi episodi dolorosi si riducono con l'evacuazione ?
Sono presenti anche di notte ?

Grazie
[#2] dopo  
Utente 748XXX

Iscritto dal 2008
I dolori appaiono indipendentemente allo stimolo, che nella maggiorparte dei casi è regolare nel numero di 1 volta al giorno, massimo 2. I dolori sono in genere solamente giornalieri, anzi, facendo un rapido controllo fra i miei ricordi, potrei dire più frequenti al mattino.
La ringrazione per la risposta celere!
[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività +60
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Direi che non ci sono sintomi di allarme e i disturbi potrebbero anche inquadrarsi in una sindrome del colon irritabile. Ne parli con il suo medico.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 748XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per il tempo speso ed il consulto!