Utente 211XXX
Salve,volevo chiedere cortesemente un consulto sulle mani,in quanto da qualche settimana,quando mi sveglio avverto dei fastidi nel piegare le dita,come se fossero gonfie (ma non lo sono) e avessi difficoltà a piegare le dita e devo muoverle per un po' e metterle sotto l'acqua fresca per avere un po' sollievo.La cosa poi si ripete durante la giornata quando non "le uso " molto (tipo se sto ferma a guardare la tv).Vorrei sapere cosa puo' essere e quali esami fare per conoscerne la causa e magari trovare una soluzione...il mio medico durante si limita a dire che sarà un principio di artrosi...e allora che fare?Grazie Mille

Valuta ospedale

[#1] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.ma Utente,

il Suo Medico esprime quella che dovrebbe essere l'ipotesi più probabile. Sarebbe utile avere ulteriori elementi:

- LE articolazioni sono gonfie e rosse? Se sì dove?
- Quante sono le articolazioni coinvolte contemporaneamente o in fasi successive?
- C'è rigidità mattutina che poi si risolve?
- Qual è la Sua attività lavorativa?

Quanto agli (eventuali) approfondimenti, è materia per il Medico da decidersi, altrimenti si corre il rischio di non trovare quello che serve e di trovare cose inutili ai fini pratici.
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la gentile risposta,
nel rispondere alle Sue domande,posso dire che le articolazioni non sono particolarmente gonfie e per nienbte rosse,sono coninvolt tutte nello stesso momen to anche se la destra è più dolorante soprattutto il mignolo e la rigidità passa quando metto le mani in movimento,ma se resto con le mani ferme per un po' poi ritorna.....il mio medico comunque mi ha prescritto una rx cervicale perchè dice che puo' dipendere da quello...
La saluto e ringrazio ancora
[#3] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.ma Utente,

Escludendo quelle condizioni sulle quali non si può immaginare nulla senza un esame diretto, potremmo, credo, escludere malattie infiammatorie come l'artrite reumatoide. Non è neanche necessario che sia artrosi vera e propria, almeno alla Sua età. L'ipotesi del Suo Medico è sensata, specie se consideri che può trattarsi di una sensazione tutta soggettiva, dovuta quindi a qualche compressione delle radici nervose. Molto spesso si tratta di posizioni viziate o un po' di cervicoartrosi.