Utente 211XXX
BUON GIORNO,SONO UN UOMO DI 35 ANNI ( BRADICARDICO ), FUMATORE DALL'ETA' DI 18. A 16 ANNI HO AVUTO UNA FIBRILLAZIONE RIENTRATA CON IL " CORDARONE ", 2 ANNI FA' ENNESIMA FIBRILLAZIONE RIENTRATA CON CARDIOCONVERSIONE ELETTRICA, AD OGGI NON HO FIBRILLAZIONI E QUANDO CAPITA ASSUMO FLECAINIDE PER 3 GG ANCHE SE BASTEREBBE 1 GG. E' 4 MESI CIRCA CHE ACCUSO L'ADDORMENTARSI DELLA MANO SX DOPO AVER DORMITO O FORMICOLII AD ENTRAMBI LE MANI CON LEGGERO DOLORE E SENZAZIONE DI GONFIORE. QUANDO MI ALZO AVVERTO LEGGERI GIRAMENTI DI TESTA CHE PASSANO SUBITO, GAMBE PESANTI E AFFANNO ANCHE SE PORTO N° 2 CASSE DI ACQUA PER UN PESO DI CIRCA 24 KG PER CIRCA 10 MINUTI. DEVO PREOCCUPARMI SERIAMENTE? CHE ESAMI DEVO EFFETTUARE ( SPECIFICI )? HO RICHIESTO AL MIO MEDICO CURANTE UNA VISITA CHE RILEVASSE VENE OTTURATE, MA NON MI E' STATA FATTA NESSUNA PREESCRIZIONE. GRAZIE PER ORA. CORDIALIZZO.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
La cosa che le consiglierei è un controllo cardiologico approfondito. Avere fibrillazione atriale ad un'età così giovane (16 aa) non è normale, e spesso è causata da altri problemi, magari aritmie sopraventricolari parossistiche che possono degenerare in fibrillazione atriale. comincerei con un controllo con visita, ECG, ecocardiogramma e Holter ECG, e valuterei l'ipotesi di uno studio elettrofisiologico.
X i dolori credo sia un problema artrosico (tipo cervicale), comunque altre eventuali opzioni possono essere valutate dopo un'inquadramento più dettagliato.
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
la ringrazio dottore per la risposta cosi' veloce ad esaustiva. vorrei precisare che ho effettuato ecocardiografia dove si riscontrava una valvola ( della quale non ricordo il nome ) che non chiudeva bene ( riferito dal cardiologo NELLA NORMA ) , cosa che pero' ho scoperto essere ereditaria, infatti mia madre soffre dello stesso problema. dall'elettrocerdiogramma da sforzo non e' risultato niente e sono arrivato fino a 170 battiti al minuto senza accusare dolori alle gambe o al petto potendo superare benissimamente i 200, ma sono stato fermato prima visto che dall' elettrocardiogramma non risultavano anomalie. holter non rileva anomalie ( tutto secondo il cardiologo nella norma ) Per la fibrillazione a 16 anni venne riscontrato che poteva essere la causa scatenante l'ernia iatale da scivolamento ( RISCONTRATA CON GASTROSCOPIA ) e che noto in fase di reflusso gastro il modificarsi temporaneo del battito che degludendo e massaggiando la vena posta al collo lato dx porta il miglioramento. Solo quando la fibrillazione entra in essere devo assumere la Flecainide. e quando vado ad urinare o effettuo attivita' "coniugali" il battito accellerandosi ( anche se in fibrillazione ) risulta essere normale...... La mia preoccupazione dell'addormentarsi del mignolo mano sx e di cosa illustrato nella precedente missiva poteva essere sintomo di allarme per il cuore. cmq ogni anno effettuo esami del sangue approfonditi comprensivi di enzimi e danni miocardici che in fase fibrilla risultano normali. Esistono esami poco invasivi che controllano che le vene sia pulite e non otturate? La ringrazio ancora per la sua disponibilita' e cortesia. in attesa le rinnovo i miei piu' sentiti saluti.
[#3] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
Le vene degli arti inferiori possono essere controllate con l'ecocolordoppler, non è un esame invasivo
[#4] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Le sono grato per la Sua risposta. Mi duole non poterla conoscere di persona vista la provenienza comune, ma il mio attuale domicilio e altrove. La ringrazio nuovamente e le auguro buon lavoro a lei ed a tutti i suoi colleghi che con professionalita' state svolgendo una attivita' cosi' importante per la societa'. rinnovo e cordializzo