Utente 211XXX
BUON GIORNO,SONO UN UOMO DI 35 ANNI ( BRADICARDICO ), FUMATORE DALL'ETA' DI 18. A 16 ANNI HO AVUTO UNA FIBRILLAZIONE RIENTRATA CON IL " CORDARONE ", 2 ANNI FA' ENNESIMA FIBRILLAZIONE RIENTRATA CON CARDIOCONVERSIONE ELETTRICA, AD OGGI NON HO FIBRILLAZIONI E QUANDO CAPITA ASSUMO FLECAINIDE PER 3 GG ANCHE SE BASTEREBBE 1 GG. E' 4 MESI CIRCA CHE ACCUSO L'ADDORMENTARSI DELLA MANO SX DOPO AVER DORMITO O FORMICOLII AD ENTRAMBI LE MANI CON LEGGERO DOLORE E SENZAZIONE DI GONFIORE. QUANDO MI ALZO AVVERTO LEGGERI GIRAMENTI DI TESTA CHE PASSANO SUBITO, GAMBE PESANTI E AFFANNO ANCHE SE PORTO N° 2 CASSE DI ACQUA PER UN PESO DI CIRCA 24 KG PER CIRCA 10 MINUTI. DEVO PREOCCUPARMI SERIAMENTE? CHE ESAMI DEVO EFFETTUARE ( SPECIFICI )? HO RICHIESTO AL MIO MEDICO CURANTE UNA VISITA CHE RILEVASSE VENE OTTURATE, MA NON MI E' STATA FATTA NESSUNA PREESCRIZIONE. GRAZIE PER ORA. CORDIALIZZO.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
La cosa che le consiglierei è un controllo cardiologico approfondito. Avere fibrillazione atriale ad un'età così giovane (16 aa) non è normale, e spesso è causata da altri problemi, magari aritmie sopraventricolari parossistiche che possono degenerare in fibrillazione atriale. comincerei con un controllo con visita, ECG, ecocardiogramma e Holter ECG, e valuterei l'ipotesi di uno studio elettrofisiologico.
X i dolori credo sia un problema artrosico (tipo cervicale), comunque altre eventuali opzioni possono essere valutate dopo un'inquadramento più dettagliato.
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
la ringrazio dottore per la risposta cosi' veloce ad esaustiva. vorrei precisare che ho effettuato ecocardiografia dove si riscontrava una valvola ( della quale non ricordo il nome ) che non chiudeva bene ( riferito dal cardiologo NELLA NORMA ) , cosa che pero' ho scoperto essere ereditaria, infatti mia madre soffre dello stesso problema. dall'elettrocerdiogramma da sforzo non e' risultato niente e sono arrivato fino a 170 battiti al minuto senza accusare dolori alle gambe o al petto potendo superare benissimamente i 200, ma sono stato fermato prima visto che dall' elettrocardiogramma non risultavano anomalie. holter non rileva anomalie ( tutto secondo il cardiologo nella norma ) Per la fibrillazione a 16 anni venne riscontrato che poteva essere la causa scatenante l'ernia iatale da scivolamento ( RISCONTRATA CON GASTROSCOPIA ) e che noto in fase di reflusso gastro il modificarsi temporaneo del battito che degludendo e massaggiando la vena posta al collo lato dx porta il miglioramento. Solo quando la fibrillazione entra in essere devo assumere la Flecainide. e quando vado ad urinare o effettuo attivita' "coniugali" il battito accellerandosi ( anche se in fibrillazione ) risulta essere normale...... La mia preoccupazione dell'addormentarsi del mignolo mano sx e di cosa illustrato nella precedente missiva poteva essere sintomo di allarme per il cuore. cmq ogni anno effettuo esami del sangue approfonditi comprensivi di enzimi e danni miocardici che in fase fibrilla risultano normali. Esistono esami poco invasivi che controllano che le vene sia pulite e non otturate? La ringrazio ancora per la sua disponibilita' e cortesia. in attesa le rinnovo i miei piu' sentiti saluti.
[#3] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
Le vene degli arti inferiori possono essere controllate con l'ecocolordoppler, non è un esame invasivo
[#4] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Le sono grato per la Sua risposta. Mi duole non poterla conoscere di persona vista la provenienza comune, ma il mio attuale domicilio e altrove. La ringrazio nuovamente e le auguro buon lavoro a lei ed a tutti i suoi colleghi che con professionalita' state svolgendo una attivita' cosi' importante per la societa'. rinnovo e cordializzo