Utente 211XXX
Buongiorno sono un nuovo utente,
ho una lesione(buco) alla cartilagine al polso!!
Siccome pratico uno sport ad impatto traumatico ai polsi, il sinistro dopo una botta finale ha cominciato a farmi male. fatta rmn si vede la condropatia.....2 mesi dopo faccio artroscopia e il chirurgo conferma "hai un bel buco,abbiamo visionato dentro e abbiamo pulito,se ti fa male ancora facciamo le iniezioni di acido ialuronico", una condropatia del semilunare.... passato un po di tempo continua a farmi male nello stesso punto quando piego il polso ea volte non riesco a fare le azioni quotidiane. Ora parto e le iniezioni le faro forse a settembre con il chirurgo che mi ha operato. Avendo 19 anni non mi immagino la mia vita cosi un via vai di iniezioni, con questo dolore e devo ancora iniziare a lavorare...
Ho letto molto su internet e sul forum, io oltre a queste iniezioni vorrei provare a sistemare questa cartilagine con un altro intervento, ma mi pare di leggere che microfratture,shaving,trapianto condrociti,staminali ecc... sono fatte tutte sul ginocchio,essendo l'articolazione più colpita... sul polso invece ho trovato che in caso di artrosi ecc...la soluzione è l'artrodesi...ma io nn posso...ho 19 anni....
---Sapete se sono effettuabili anche sul polso?---
in inghilterra è stato trattato un famoso rocker con le staminali alla mano...il link
http://www.blitzquotidiano.it/musica-showblitz/chitarrista-black-sabbath-mano-staminali-guarire-tony-iommi-136701/
Vorrei altre soluzioni oltre i soliti palliativi(laser,iniezioni ecc...)
GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

prima di pensare alle "staminali" forse sarebbe il caso di pensare a terapie un pochino più "terra terra".

Oltre all'acido ialuronico, che è un'ottima terapia, anche se richiede un pò di tempo, proverei a fare qualche ciclo di onde d'urto.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Dott. grazie della risposta

sono d'accordo con lei per le terapie a "terra terra", ma il punto è -avendo 19 anni, non potrei pensare di andare a iniezioni e cicli d'onde tutta la vita anche perchè sono rimedi si, ma che io sappia temporanei...e quindi volevo subito passare ad altro in modo da risolvere e non aggravare la situazione.- Quindi è possibile nel caso le terapie sopraindicate indicate non vadano a buon fine, optare per queste staminali o trapianto cartilagineo al polso? Se si, saprebbe indicarmi strutture pubbliche e non dove fanno altri e questo tipo di intervento?

La ringrazio ancora per la cortesia
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non sono rimedi temporanei: è possibile che le terapie rigenerino la cartilagine in via definitiva.

Aspetti prima di pensare ad un intervento chirurgico.

Buona notte.
[#4] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno,
ok faro queste terapie, speriamo che si riesca a rigenerare la cartilagine(il medico mi aveva detto che non ricresceva).
comunque parlavo "in caso" di non riuscita delle terapie, a chi potrei rivolgermi? per questo volevo conoscere centri che trattano patologie cartilaginee alla mano se possibile.
(visto che facendo ricerche si trattano più patologie cartilaginee del ginocchio)..saprebbe indicarmi qualche centro che potrebbe trattare la mia patologia?(in caso di non riuscita delle terapie).

Ancora grazie
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Taccardo
24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2010
io credo che forse bisognerebbe meglio definire la patologia...non vorrei si trattasse di un m. di kienbock. integrerei gli esami sia facendo una risonanza ed eventualmente integrarla con una scintigrafia. cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
.....ma se il Collega ha visto direttamente una erosione per via artroscopica, credo poco probabile possa trattarsi di un kienbock.

In ogni caso, se non è stata già fatta, una R.M. (come suggerisce chi mi ha preceduto), potrebbe dare ulteriori informazioni sullo "stato di salute" del semilunare nel suo complesso.
[#8] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Buonasera, la rmn l'avevo gia fatta prima dell'artroscopia e diceva:
-"Non evidenza di significative alterazioni dei rapp articolari livello della radio-carpica. Le contrapposte superfici articolari della radio carpica appaiono disomogenee come per condropatia con apparente minima sofferenza dell'osso sottocondrale in corrispondenza del versante articolare del semilunare.
Nella norma il tunnel carpale e tfcc"-.
Poi l'artroscopia ha confermato.

Quindi le terapie possibili quindi sono le infiltrazioni,cicli d'onde d'urto,laser ecc..
-Invece i possibili trattamenti chirurgici nel mio caso quali potrebbero essere?-

Chiedo tutto ciò in modo da capire quali sono le possibilità per risolvere.
scusate il disturbo
Un ringraziamento e cordiali saluti a tutti e due i dottori
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Dalla R.M. sembrerebbe quindi potersi escludere una malacia del semilunare su base vascolare (kienbock).

Circa le tecniche chirurgiche, le cito unicamente il trapianto di cartilagine, che può avvenire con modalità differenti:

http://www.my-personaltrainer.it/traumatologia-ortopedia/trapianto-cartilagine.html

Circa le staminali, non mi esprimo, in quanto trattasi, per quanto a mia conoscenza, di una metodica ancora in fase di valutazione.

Cordiali saluti.
[#10] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Dottore grazie delle risposte, quindi procederò in questo modo:
-Farò le terapie conservative(infiltrazioni,onde ecc).

-In caso di fallimento, provero a contattare i centri SICM che mi ha consigliato, faro una visita, e vedranno se fare l'intervento.

Ok quindi il mio dubbio penso sia risolto:
"LE TECNICHE DI TRAPIANTO CARTILAGINEO SONO POSSIBILI ANCHE SUL POLSO E NON SOLO SUL GINOCCHIO, quindi LA MIA IPOTESI CHE PER IL POLSO E' VALIDA SOLO L'ARTRODESI O PROTESI E' SBAGLIATA".

Giusto dottore?

Ancora grazie per la sua grande disponibilità
Cordiali saluti.
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Ma certo, l'artrodesi non la deve neanche prendere in considerazione nel suo caso specifico.

La si effettua, come alternativa alla protesi di polso, nei gravi casi di artrosi radio-carpica o intercarpica e non è certo questo il suo caso.

Buona notte.
[#12] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno dottore sul testo del link che mi ha inviato, cita:
"Il trapianto di cartilagine NON PUO ESSERE EFFETTUATO PER LE ARTICOLAZIONI NON OPERABILI, COME QUELLE delle DITA DELLA MANO, del piede o della colonna vertebrale; è invece indicato per ginocchio, caviglia, spalla e anca."

Con "-COME QUELLE DELLE DITA DELLA MANO-" ,sottointende che il trapianto NON puo essere effettuato anche sul polso in generale?

O mi sbaglio e quindi E' EFFETTUABILE sul polso?

mi scusi, per i dubbi mi fido più di lei, che del testo.

Grazie
[#13] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Dottore, potrebbe rispondere alle mia domande?
Grazie
[#14] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

mi scuso per il ritardo nella risposta.

Certo, nelle piccole articolazioni (ad es. dita della mano) tale metodica non è attualmente praticabile.

Il polso è al limite tra un'articolazione piccola e una grande (ginocchio, anca).

Io, personalmente, non utilizzo questa metodica, per cui non posso riferirle di una mia esperienza diretta ma, qualora dovesse presentarsi tale eventualità (forse mai), nei Centri che le ho indicato hanno certamente tutta l'esperienza e la casistica necessaria.

Ribadisco, però, il concetto già precedentemente espresso, cioè di non pensare adesso a tecniche chirurgiche complesse che probabilmente non dovranno mai essere utilizzate nel suo caso specifico.

Per ora, si concentri solo sulle terapie non invasive e vedrà che riuscirà a risolvere il suo problema: non dimentichi, ovviamente, di farsi seguire dallo specialista di sua fiducia in tutti i vari passaggi eventualmente necessari.


Cordiali saluti.