Utente 198XXX
Gentili medici

Siccome da molto tempo e come già accennato più volte in questo sito soffro di un severo deficit erettile con compromissione delle erezioni notturne, mi preoccupo sulla salute di queste strutture.

Vorrei quindi sapere se il non avere erezioni valide (neppure quelle notturne e mattutine) possa causare dei problemi ai corpi cavernosi e se si che tipo di problemi.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

domanda da un milione di euro la sua!

Sicuramente la mancanza di un adeguato "esercizio meccanico" di distensione di strutture fibro-elastiche come sono i corpi cavernosi del pene non è salutare per gli stessi.

Ne riparli in diretta con il suo andrologo che sicuramente potrà valutare per bene la sua reale situazione clinica e poi suggerirle le "contromisure" aandrologiche adeguate da prendere.

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  


dal 2011
La ringrazio per la risposta.


Vorrei togliermi un dubbio:
nel 1998 fui colpito da una tremenda gastroenterite virale che mi causò una forte disidratazione e successivamente a causa di una protratta ipoalimentazione subii un calo ponderale di 15 Kg.
In pratica ero arrivato a pesare 42 kg per 165 cm di altezza.
Da allora non ho mai avuto piu erezioni che determinassero un pene duro e tuttora quando è eretto anche con il sildenafil si puo piegare su se stesso.

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

difficile fare il "collegamento clinico" che lei ci chiede da questa postazione.

Ha fatt almeno una ecografia dei corpi cavernosi ed un ecocolordoppler dinamico delle arterie peniene?

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  


dal 2011
Gentile Dottor Giovanni Beretta

Voi medici su questo sito da uno schermo del pc rispondete con interesse e gentilezza 10000 volte meglio dei medici di famiglia che ho interpellato dal vivo, quindi lascio a desiderare fino adesso l' interesse che hanno prestato nei miei confronti.
Anche l' andrologo che finora ho incontrato non mi ha dato fiducia.

A presto incontrerò di nuovo un andrologo dal vivo che spero mi indirizzi nelle strade analitiche necessarie a risolvere il caso e le citerò anche gli esami da Lei riferiti (ecografia dei corpi cavernosi ed un ecocolordoppler dinamico delle arterie peniene) che nella eventuale necessità mi verranno prescritti.


Buon Weekend
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, visto l'andrologo e decisi gl'indirizzi diagnostici, poi ci si riaggiorna.
[#6] dopo  


dal 2011
Grazie
[#7] dopo  


dal 2011
Gentilissimo Dottor G. Beretta:

Sono in attesa di una visita andrologica,
nel frattempo vorrei sapere come mai nonostante gli andrologi dal vivo e anche i Vs colleghi su questo sito mi hanno riferito che le misure sono normali le ragazze che ho frequentato mi hanno detto che il mio pene è piccolo e che se fosse più grande sarebbero piu soddisfatte.
Loro mi hanno detto che i ragazzi che frequentano lo hanno molto piu lungo e spesso ed il mio arriva a solo 13 cm anche se talora l' erezione è completa e ancora meno se come spesso accade l' erezione è incompleta.
La circonferenza è sugli 11 cm alla basa ma tende ad assottigliarsi e metà asta non raggiunge i 10 cm.
Le misure sono sicuro di averle prese bene poiche ho esperienza nella misurazione di tubazioni causa lavoro e quindi utilizzo un metro specifico per la circonferenza e seguo tutte le regole andrologiche per la misurazione della lunghezza.

Mi potrebbe dire se esistono davvero uomini italiani con un pene di 17, 18 cm poiche a quanto pare avrebbero visto di tali misure.

Grazie ancora.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ma che ragazze frequenta?

Il consiglio sintetico che le posso dare ora è quello di confidare e fidarsi di più delle informazioni ricevute dagli specialisti da lei incontrati e di non dare troppo retta alle "sirene" che purtroppo lei fino ad ora ha incontrato.

Ancora un cordiale saluto.
[#9] dopo  


dal 2011
Gentilissimo Dottor Giovanni Beretta

Purtroppo non sono un "abile" frequentatore di prostitute e quando sono stato da questa nessun problema, ovviamente pagando!
Le ragazze che ho incontrato in locali tipo discoteche, pub e altro invece mi hanno fatto questa "osservazione" e non mi sto inventando assolutamente niente le posso assicurare al 100% e pure quelle poche diciamo 'piu serie' con cui avrei intrapreso un rapporto stabile, in caso di un litigio mi hanno poi detto che ho il pene piccolo e ci sono di ragazzi con un pene piu grande e quindi meglio affidabili.
A questo punto quindi non riesco pure io a capire dove sta il problema e aspetterei una vostra considerazione del caso.
Le do pure ragione ma non è che il mio pene possa farlo apprezzare ad uno specialista andrologo, siccome sarebbe destinato alle donne e se a queste non va bene, se va bene all' andrologo a me importa ben poco, non per avere sfiducia nei loro confronti.
Che alle donne vada bene un pene di 12, 13 cm quando in giro ci sono bei ragazzi con un pene di 18 cm mi sembra strano non essendo assolutamente neppure bello e ricco (abito in affitto): è come se uno accettasse una casetta condominiale di 50mq con un bagno e senza terrazzo a 500000€ da ristrutturare, in alternativa a una villetta ingresso singolo di 150 mq con due bagni, mansarda, terrazzo, giardino, piscina e posto auto coperto a 400000 € NUOVA.

Purtroppo mi sto disperando a tal punto di questo problema (oltre alle mie difficoltà erettili) tanto da mandarmi in fusione il cervello.

La prego di non spostare il consulto in psicologia poiche ho già avuto risposte da tali medici.

Grazie e buon weekend
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non sposto il suo consulto in psicologia anche se lei avrebbe molto bisogno di parlare in diretta con un esperto collega psicologo!

Poi non c'è dubbio che in certe situazioni e con alcune partner superficiali l'apparenza può avere dei risvolti "interessanti e curiosi" come "al circo" ma, dato che non siamo sempre al circo, mi creda, è mille volte meglio un uomo che sa davvero come procurare piacere al partner e che conosce bene il suo corpo, anche se non ha un pene da "elefante", piuttosto che un "elefante" che, sotto le lenzuola, è un "imbranato" o, peggio ancora, pensa solo a se stesso.

Molte volte tecnica, esperienza, sentimento e molta fantasia per un uomo valgono molto di più dei "centimetri" posseduti.
[#11] dopo  


dal 2011
Lei ha perfettamente ragione e difatti cercherei una compagna semplice e che si accontenti di meno acrobazie.
Le assicuro che le donne amanti non solo dei ben dotati, ma anche delle posizioni speciali affidabili ad un pene di almeno 16 cm non sono rare, tutt'altro!
Per quanto riguarda il lato psicologico, sto già seguendo uno psicologo dal vivo.

Concludo il consulto ringraziandola davvero per la Sua disponibilità
Buon lavoro
[#12] dopo  


dal 2011
Lei ha perfettamente ragione e difatti cercherei una compagna semplice e che si accontenti di meno acrobazie.
Le assicuro che le donne amanti non solo dei ben dotati, ma anche delle posizioni speciali affidabili ad un pene di almeno 16 cm non sono rare, tutt'altro!
Per quanto riguarda il lato psicologico, sto già seguendo uno psicologo dal vivo.

Concludo il consulto ringraziandola davvero per la Sua disponibilità
Buon lavoro
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene sono felice che il problema lo stia affrontando a 360 gradi!