Utente 394XXX
Gentili Dottori
Da qualche tempo a questa parte ho notato che in alcuni momenti della giornata il pene presenta una certa curvatura verso sinistra. Questo accade in particolar modo dopo aver urinato, perchè vedo che subito il pene si incurva mentre pochi secondi prima era perfettamente dritto.
Devo dire che ho sempre avuto una leggerissima curvatura a sinistra ma che ora sembra essersi accentuata.
Visto questo fenomeno, mi sono recato prima da un dermatologo (anche per risolvere un altro problema che avevo e che si è facilmente risolto) che mi ha rassicurato dicendomi che si vede che ero sempre stato così e che comunque la curvatura poteva semplicemnte riguardare l'ancoraggio dei corpi cavernosi.
Mi sono poi recato da un andrologo-urologo. Questo mi ha visitato, mi ha fatto fare un ecografia al pene (a riposo) e ha visionato le foto che gli avevo portato del pene a riposo e subito dopo la fine di un'erezione. L'unico problema che mi ha riscontrato è stato quello di un frenulo corto ma ha detto che non c'era necessità di intervenire purchè avessi rapporti sessuali soltanto quando ero perfettamente lubrificato. Quanto alla curvatura del pene ha detto che non vi era recurvatum congenito, nè alcuna induratio penis plastica perchè non gli risultava nè dalla palpazione, nè dall'ecografia. Mi ha detto che secondo lui ero perfettamente normale, che ero sempre stato così e che in ogni caso l'ipp si poteva manifestare solo in erezione.
Continuo a non capire però perchè il pene dopo aver urinato dovrebbe incurvarsi, quindi mi piacerebbe avere una Vostra spiegazione.
Quanto all'erezione, effettivamente in erezione il mio pene è come sempre salvo il fatto che ho qualche difficoltà in più ad eccitarmi ed a raggiungere l'erezione e soprattutto a rimanere eccitato. L'andrologo mi ha detto che probabilmente il problema era dovuto a disturbi psicologici (essendomi lasciato con la mia ragazza dopo una storia durata 3 anni). Mi ha prospettato la possibilità di un eco color doppler ma mi ha consigliato di farlo solo se strettamente necessario.
Successivamente alla visita ho notato che quando sono in erezione se spingo il pene verso il basso è che come se intavedessi sul corpo cavernoso destro una sorta di lieve fenditura che va dalla base del pene verso l'alto.
Il medico che mi ha visitato mi è sembrato preparato, ma preferirei avere ulteriori lumi.
A questo punto vi pongo le seguenti domande. Perchè il pene si curva quando è a riposo? Potrebbe dipendere dal frenulo che a volte sento come irritato? E' possibile che l'IPP non sia rilevata con un'ecografia del pene a riposo? Eventualmente sarebbe il caso di fare un eco color doppler dei corpi cavernosi?
Vi ringraziio molto per le risposte che mi darete e per la pazienza dimostrata nel leggere la richiesta di consulto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Penso ,in coscienza e scienza,che dovrebbe essere già rasserenato dalle visite specialistiche già effettuate....
se questo non è sufficiente sarebbe rivolgersi alla professionalità di un buon psicologo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore

Sono d'accordo con il collega su quanto già eseguito, in risposta alle sue domande le dico che il frenulo brevis le dovrebbe dare una curvatura ventrale e non laterale, , a volte noduli di IPP no sono rilevabili con una semplice ecografia basale.
Cordiali saluti

Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
[#3] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2007
Cari Dottori, vi ringrazio della risposta.
Mi confermate il fatto che il mio problema ha soprattutto natura psicologica. Anche perchè guarda caso il problema lo avverto di più nei periodi in cui ci penso e molto di meno nei periodi in cui non me ne curo.
Ancora grazie della risposta. Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
da come descrive il suo "problema anatomico" sicuramente la componente funzionale e psicologica sembra essere predominante.
Riconsulti il suo andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
mi associo completamente alla risposta del dottor Beretta
Cari saluti