Utente 212XXX
Salve dottori. Recentemente ho notato un calo del desiderio con relativa difficoltà nell'erezione ( il che è cominciato circa una settimana e mezzo fa per poi finire venerdi scorso e ricominciare mercoledi dopo la visita dell'andrologo).
Ora, anche se ci sto piu tempo, nella masturbazione riesco a farlo divenire eretto...E con la mia ragazza (ancora non abbiamo "concluso") quando ci baciamo sento qualcosa "muoversi"...Oggi dovremmo riuscire a stare soli e quindi farlo per la prima volta...però ho ansia che questo problema venga a galla...
Una domanda è: se riesce ad essere eretto nella masturbazione (cmq infestata di brutti pensieri prima dell'erezione) c'è qualcosa che non va a livello fisico secondo voi? secondo l'andrologo che mi ha visitato no...però mi spavento anche perchè ho solo 26 anni...Ah aggiungo che sono in cura per una prostatite (oflocin 200)..Questa cosa mi provoca non poca ansia..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
se il collega che l' ha visitata ha detto tutto ok, allora è così, che di qua è difficile contraddire chi l' ha visitata in diretta, in più età e sintomi ci stanno per problema psicogeno.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Caro Ragazzo,
la fatidica e famigerata prima volta, è foriera di ansia anticipatoria di un possibile insuccesso, ansia da impreparazione, portatrice di pensieri disturbanti, verifiche mediante la masturbazione della sua capacità erettiva e tanto altro, fino ad arrivare ad un calo del desiderio da copertura ad un possibile deficit erettivo.
SE l'andrologo ha escluso cause organiche e le difficoltà dovessero persistere, non si avventuri in sperimentazioni sessuali, ma chieda una consulenza ad uno psicologo-psicoterapeuta, meglio se perfezionato in sessuologia clinica, per comprendere i meccanismi che regolamentano la sfera della sua sessualità e farla transitare nella stanza dei giochi!
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,
è abbastanza normale che in attesa del "primo" rapporto scatti un po' di ansia prestazionale, di paura di non farcela, di paura di non fare una bella figura.... E' altrettanto vero che se lo specialista ha veramente rilevato una "prostatite" e consigliato una terapia medica anche la funzione erettile del mascio potrebbe essere influenzata tanto da far nascere il dubbio di non "farcela".

A mio parere, segua la terapia, affronti con calma le sue prime esperienze che potrebbero anche non essere "esaltanti" e vedrà che tutto dovrebbe sistemarsi.
Altrimenti nuova visita dall'andrologo per rivalutare gli aspetti organici dell'erezione
cari saluti
[#4] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

se nell'arco di una settimana ha apprezzato delle difficoltà, questo non costiuisce una ragione per pensare a problematiche, neppure di ordine psicologico.
Provi prima a terminare la cura dell'andrologo e a far caso se le difficoltà permangono.
Un po' d'ansia, o un po' di paura possono tranquillamente rientrare nella normalità, soprattutto dinnanzi alla prima volta, che è un'esperienza fortemente simbolica.

Saluti,