Utente 919XXX
Buongiorno, perdonate la domanda che può apparire banale, ad ogni modo è possibile riconoscere una FA da una serie di extrasistole? Ovviamente parlo in totale assenza di tracciato ECG ma semplicemente tastando il polso. Un mese e mezzo fa ho avuto una FA parossistica ed in base a ciò prendo degli antiaritmici (Sotalolo 80 mg) 1/4 compressa mattina e sera. Nella FA tastando il polso, il battito presenta sempre delle tachicardie? Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
In linea generale, le extrasistoli interrompono un ritmo cardiaco regolare ed al polso si rende avvertibile la caratteristica pausa che segue il battito prematuro, mentre nella aritmia da fibrillazione atriale non c'è nessuna relazione fra una pulsazione e l'altra (gli antichi medici chiamavano questa aritmia "delirium cordis").
Comunque, anche un medico esperto può talvolta non essere in grado di differenziare la diagnosi fra aritmia extrasistolica e fibrillazione atriale, basandosi unicamente sulla palpazione dell'arteria radiale al polso ed ha bisogno se non altro di completare l'esame clinico con l'auscultazione del cuore, se non di un ECG.
Infine, non sempre la fibrillazione atriale si accompagna a tachicardia, specie nei pazienti in terapia antiaritmica (ma la Sua appare decisamente sottodosata in rapporto al peso corporeo).
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 919XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la Sua cortese risposta, comunque per farLe capire meglio cosa intendo,Le elenco cosa avverto tastando il polso: un battito generalmente ritmico accompagnato da delle pause per poi riprendere ritmo, pero' dopo la pausa il cuore fa due-tre battiti rapidi,ritorna la pausa e la cosa si ripete. So perfettamente che la mia descrizione non equivale ad un Ecg ma e' giusto per far capire cosa sento. Sono un soggetto ansioso con ipertiroidismo che sto curando. Conviene star sereno oppure allarmarsi alla prima aritmia che si presenta? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Dal Suo racconto è molto improbabile che si tratti di episodi di fibrillazione atriale.
Sicuramente allarmarsi non serve a nulla, ma anzi un'eccessiva apprensione causa un aumento del tono simpatico e quindi agevolare l'insorgenza di episodi di extrasistolia.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 919XXX

Iscritto dal 2008
E' stato gent.mo. Buon lavoro