Utente 186XXX
gentili medici,buonasera.L altro ieri mia madre,60 anni,era appena uscita dall ospedale dove haa fatto la riabilitazione post operatoria poichè il 30 maggio è stata operata al cuore per sostituzione valvola mitralica,aveva la fibrillazione atriale,l intervento e la riabilitazione sono andati bene a detta del chirurgo ,ha però riportato in seguito un piccolo versamento pleurico che si p subito riassorbito è una forte anemia che pare stia migliorando,chiuso questo "flashback" torno al giorno in cui è stata dimessa nella mattina di sabato scorso.Alle 15 e 30 mentre era al letto mi ha chiamato e vedevo che aveva disartria gli ho rapidamente controllato le pupille degli occhi ,gli fatto fare delle cose che ricordavo mi fece fare il neurologo quando mi vide per visite generali di controllo,cosi vedendo la bocca rimanere quasi paralizzata ho chiamato subito l ambulanza ed è stata portata all umberto primo in tempi rapidi,le hanno fatto tac ed esami di coagulazione e non c erano anomalie,oggi le hanno fatto ecodoppler al collo e anche li sebrava nulla di rilevante,mia madre avendo la valvola meccanica prende il coumadin,ora è ancora ricoverata e deve fare risonanza magnetica(sembra che il metallo della valvola lo permetta)e ecocardiografia transesofagea..parlando con la neurologa mi ha detto appunto che devono capire se c è il rischio che altri emboli vadano in circolo con il rischio di recidive,mia madre fortunatamente ha ripreso quasi subito a parlare abbastanza bene anche se non esattamente come prima,vorrei chiedervi se nei casi come quello di mia madre succedano spesso episodi del genere..vi ringrazio molto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La terapia con Coumadin in una portatrice di valvola meccanica deve essere attentamente monitorizzata portando l INR tra 2,5 e 3,5.
Questo tuttavia non protegge il paziente al 100% da fenomeni trombociti e tromboembolici.
Se fosse confermato un episodio ischemico ere tale con INR in rangebterapeutico sarebbe consigliabile associare il coumadin ad un antiaggregante piastrinico come l aspirina.
Cordiali t
Cecchini
www.cecchinicuore.org