Utente 166XXX
Gent.mi,

sono un uomo di 30 anni e da alcuni anni, con alti e bassi, soffro di attacchi di ansia. Negli anni ho effettuato diversi esami di routine e due ecocardio senza che questi facessero emergere niente di significativo. Nell'ultimo elettrocardiogramma (ottobre 2009) è emerso soltanto un soffio al cuore che il cardiologo ha ritenuto funzionale al battito cardiaco. Tanto è vero che ho attraversato un periodo molto positivo per circa un anno: sono stato molto impegnato nel lavoro, vado in piscina due volte a settimana e cerco di condurre in generale una vita attiva senza avvertire minimamente disturbi od attacchi di panico. Tuttavia è da cqualche mese che sento fitte al petto accompagnate da un stato di ansia e di panico. A volte alla comparsa del dolore al petto corrisposnde un intorpidimento al braccio sinistro e sensazione di calore dietro alla schiena. Meno frequentemente ci sono tachicardie. Questo stato mi rende particolarmente agitato ed ho paura di svolgere attività fiscishe quello che riesco a fare è solo camminare cerco sempre di mangiare nel modo più corretto. Chiedevo cortesemente, se questo stato è riconducibile sempre al mio stato ansioso oppure a motivi fisici. Ripeto pur essendo leggermente sovrappeso sono circa 90 Kg per 1,83 m di altezza conduco un vita non troppo sedentaria L'ultima visita la pressione sanguigna almeno la minima era 80 e le pulsazioni durante il giorno anche quando avverto questi stati di ansia vanno circa da 66 a 90. Questi fastidi si presenteano sia a riposo che sotto sforzo.
In attesa di un Vostro gentile riscontro porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
I sintomi che descrive non sembrano attribuibili ad un problema cardiaco, anche e soprattutto per il risultato degli esami cardiologici cui si è già sottoposto.
Per Sua massima tranquillità, anche se non ne ravvedo indicazione assoluta, può praticare un test da sforzo dopo aver sentito a riguardo il parere del Suo medico.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dott. Fedi,

La ringrazio per la risposta. Oggi sono andato dal mio medico e mi ha detto che non c'è assolutamente bisogno di ulteriori esami e posso fare attività fisica senza problemi.

Grazie, cordiali saluti.