Utente 213XXX
Salve vorrei parlarle del mio preblema.Sono asmatica e soffro di parecchie allergie :graminacee,pianta olivo ,cipresso,olea europea,pelo di gatto ,cane,coniglio e vari alimenti,,uova,fragole,crostacei etc.All età di sei anni ho iniziato a fare i vaccini,dopo tredici anni ho smesso.Le crisi asmatiche non compaiono più ma ho ogni notte difficoltà respiratorie infatti devo utilizzare il ventolin,in più soffro da anni di rinite allergica.Ho consultato vari specialisti ,fatto delle cure :Bentelan ,spry nasali,xyzal,tutto questo con scarsi risultati.Ogni giorno sto male,ho questo problema e non so più cosa fare,consumo più di dieci pacchetti di fazzoletti al giorno.Cosa dovrei fare secondo lei ?Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Paziente,
Sono sicuro che molti concetti, se non tutti, che elencherò, le sono stati già spiegati dai Colleghi che l'hanno curata finora ma, vale la pena ribadirne qualcuno (gli antichi romani dicevano "repetita iuvant" ovvero, le cose ripetute aiutano):
1) Le malattie allergiche sono malattie "croniche" ovvero si curano ma, da esse, non si guarisce mai definitivamente;
2) Le terapie che abbiamo, attualmente, a disposizione sono efficaci nella maggior parte dei pazienti per un ottimale controllo dei sintomi. Esistono solo rarissime eccezioni;
3) Il concetto di "cronico" vale sia per la persistenza della malattia nel tempo sia, purtroppo, per la necessità di proseguire le cure per lunghi periodi nel corso dell'anno e, in alcuni casi, costantemente per tutto l'anno;
4) I farmaci dai lei citati sono tutti efficaci e vanno utilizzati al momento giusto, nelle dosi appropriate e per periodi di tempo adeguati sulla base dei consigli del suo specialista Allergologo di fiducia.
Da quanto finora detto, il consiglio è quello di affidarsi alle cure di un collega della sua zona seguendone scrupolosamente le raccomandazioni e rispettando il calendario delle visite di controllo che le verrà proposto per essere preparata a modificare la terapia in base alle possibili variazioni della situazione clinica riscontrate al momento della visita.
Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la sua risposta,è stato molto chiaro.Farò quello che mi ha consigliato. Distinti saluti,