Utente 112XXX
Gentili Medici,
sono una ragazza di 25 anni e vi scrivo per chiedervi un parere riguardo ad un malore che ho avuto ieri sera.
Stavo preparando la borsa per il mare quando all'improvviso ho avvertito un dolore alla schiena, nella zona lombare, non in un punto preciso ma bensì una cosa che si estendeva in tutta la zona. Preciso che circa un mese fa mi è successa la stessa cosa mentre mi stavo chinando e alzando pesi ma il tutto si è fermato ad un semplice dolore alla schiena che è diminuito fino a sparire cominciando a muovermi più lentamente ed evitando movimenti bruschi e sollevamento pesi.
Ieri era però mi sono preoccupata, perchè successivamente ho cominciato ad avere un pò di nausea e così mi sono stesa per un'oretta. Quando mi sono alzata per vedere come andava, dopo pochi minuti che ero in piedi ho avvertito un forte senso di nausea, un calore forte e poi mi sono sentita svenire. Ho evitato lo svenimento perchè sono riuscita ad arrivare in tempo al divano ma è stata questione di attimi.
Inutile dire che mi sono spaventata e che ero già molto spaventata prima di svenire perchè purtroppo dopo un anno di attacchi di panico sono diventata ipocondriaca e quindi ogni malessere mi preoccupa. Dopo essere rimasta distesa per un'altra oretta, ho provato ad alzarmi per andare a letto ma di nuovo ho avvertito la nausea e il senso di svenimento che ho di nuovo evitato sedendomi. A quel punto ho preso un pò di zucchero e acqua per vedere se mi faceva qualche effetto e devo dire che almeno dopo sono riuscita ad andare a letto e ad alzarmi in piedi senza avvertire più la sensazione di svenimento.
Ho dormito un pò anche se il dolore alla schiena stamattina è cmq presente. Ma se devo descriverlo bene è un misto tra muscolare e sensazione di andare di corpo. Ho appena finito il ciclo mestruale e siccome l'altra volta in cui ho avvertito il dolore il ciclo mi stava per arrivare non vorrei che fosse collegato a quello magari visto che normalmente soffro di dolori mestruali notevoli.
Volevo sapere da voi un parere riguardo quello che è stato il mio malore se fosse possibile, per sapere se mi devo preoccupare o meno.
Ringraziando anticipatamente per l'attenzione, porgo i miei più distinti saluti.
[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
durante il periodo mestruale o nei giorni che lo precedono, è possibile che si acuiscano dei dolori ed in particolare nella regione lombare o lombo -sacrale.Se non ha problemi alla colonna vertebrale,come scoliosi,cifosi,il dolore potrebbe essere dovuto a posture erronee (dolore muscolare),ad esempio.Il senso di nausea e di svenimento al cambio posturale ( da seduta o sdraiata al passaggio in ortostatismo)dovrebbe essere dovuto ad una pressione bassa,che con il caldo si accentua.Mestruazioni abbondanti,che durano un pò in più unite ad un'alimentazione non idonea,potrebbero con il tempo causare un'anemia da carenza di ferro e quindi accentuare questo suo stato di debolezza e nausea.Uno stato ansioso,potrebbe far "sentire" di più i dolori premestruali,far dormire magari male ecc.Che tipo di attività svolge? Che tipo di alimentazione?

In attesa di un suo riscontro Le invio cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore,
la ringrazio per il suo interessamento e per la sua risposta.
Ho sofferto di attacchi di panico per lungo tempo a causa di problematiche che negli anni mi hanno fatto somatizzare molto. Di carattere non sono una persona che si ferma davanti ai problemi della vita, ma non sempre è un bene perchè poi se il risultato è somatizzare così forse ogni tanto bisongerebbe riuscire ad esternare che non sarebbe un male.
Questo periodo con gli attacchi di painco è durato un anno intero e forse qualcosa di più ed oggi ogni tanto compaiono ancora e convivo con alcuni sintomi che però sto imparando a tenere sotto controllo. Naturalmente ho poi ripreso una vita attiva ma dopo essere stata ferma un anno sono piuttosto debole probabilmente.
In questi ultimi mesi poi sono stata molto attiva fisicamente e forse ho ripreso anche in fretta a fare tutto senza risparmiarmi perchè sono fatta così. Se sto male mi fermo ma se sto bene mi rimetto subito in gioco.
Per lo svenimento dell'altro giorno sono andata dal medico il quale mi ha prescritto delle analisi del sangue e delle urine che ho provveduto a fare oggi ed avrò i risultati venerdì. Anche lui, come lei, dice che potrebbe essere stato causato dal caldo, da un abbassamento di pressione ( anche se in linea di massima i miei valori pressori sono piuttosto normali. Per quanto riguarda il mal di schiena il medico dice che si tratta di uno stiramento.
Lunedì, quando sono andata dal medico, il dolore era ancora localizzato nella parte bassa della schiena anche se non era certo insopportabile. Dal giorno dopo però ecco che non ho più dolore alla schiena ma bensì dal gluteo fino al piede, nella parte posteriore della gamba e quindi, da ignorante in materia, penso si tratti di un'infiammazione al nervo sciatico.
Il medico mi ha detto di stare a riposo qualche giorno e siccome fino ad oggi non ho potuto fermarmi molto da domani cercherò di farlo per vedere se va meglio.
Se sto ferma non sento dolore. Avverto male se cammino. Secondo lei come dovrei procedere nel caso il dolore non passasse nel giro di qualche giorno?
Ringraziandola ancora molto per il suo interessamento le porgo i miei più distinti saluti.
[#3] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
il fermarsi davanti ai problemi della vita, significa un pò fermare la vita stessa o parte di essa. I problemi nascono per essere risolti; è il modo di percepire il problema che ci pone di fronte alla nostra fragilità e ne acuisce gli aspetti più deboli.Sono tante prove, talvolta belle,altre volta brutte,ma pur sempre delle prove che ci portano spesse volte a capirci meglio.Talvolta le difficoltà,i problemi ,sembrano fatti apposta per noi,un pò come i nostri incubi,fanno paura di più a noi che li sognamo.Quando non riusciamo a risolverli da soli,chiediamo aiuto a chi può darcelo,senza timore o vergogna. La somatizzazione è dovuta talvolta proprio al fatto che si tengono dentro i problemi,le paure e così prendono forma in una parte del nostro corpo.Ritornando al consulto, il suo dolore,potrebbe derivare da problemi alla colonna vertebrale,come una protrusione discale o "atteggiamenti" anomali delle sua curvatura.Potrebbe essere un problema legato allo sforzo e ad una erronea postura nell'alzare il peso,oppure ad una muscolatura non troppo "tonica".Non trascuri l'attività fisica ed una corretta alimentazione.

Cordialmente.