Utente 213XXX
Salve sono un uomo di 59 anni e di recente sono stato sottoposto ad un intervento di angioplastica coronarica, la mia domanda riguarda più che altro un dubbio tecnico, ovvero volevo capire se avendo le arterie coronariche occluse ,tutte le varie venoline e capillari di diametro inferiore presenti nel cuore ,come in altre zone del mio corpo, saranno sicuramente ostruite?Funziona così nel corpo umano, o non è detto? Se si, ciò potrebbe in qualche modo essere pericoloso? Grazie per la cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La PTCA (angioplastica) riesce a trattare solo i vasi di un certo calibro, . I vasi di calibro minore non sono suscettibili di tale metodica. Purtuttavia molti pazienti hanno solo placche sui rami principali, nei diabetici invece spesso - ma non sempre - la malattia colpisce proprio dei piccoli vasi coronarici e pertanto in questi casi la terapia medica e' quella possibile.
Cordfialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org