Utente 213XXX
Buongiorno a tutti,

ho letto diverse risposte date alle domande degli utenti, il mio è un caso semplice, soffro di eiaculazione precoce da sempre per un malfunzionamento della serotonina. Come faccio a saperlo? quando prendo la duloxetina e la dapoxetina, la mia durata è nella norma, quando smetto di prenderli mi ritorna l'eiaculazione e la depressione.Il problema è che dopo tre mesi di cura, il mio corpo rigetta i farmaci e mi viene la diarrea.Ho sentito diversi medici andrologi, psicologi e psichiatri, ma le medicine sono sempre le stesse, ma nessuno mi fa fare esami strumentali, e possibile da parte mia richiederli con insistenza ed ottenerli?
Ho letto di un paziente che ha fatto un esame con elettrodi per la serotonina, come si fa a misurarla?

Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,dubito che abbia incontroato un andrologo dedicato,in quanto avrebbe posto una diagnosi di merito.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta,

ha ragione, la mia visita è durata 15 minuti e dubito che il medico dell'ospedale mi abbia visto in faccia, ma privatamente la visita dell'andrologo è durata di più e anche molto cordiale, ma comunque la prescrizione è stata dapoxetina da prendere al bisogno.

Poi per quanto riguarda il lato psicologico anche li le prescrizioni arrivano sempre su antidressivi che dopo qualche mese hanno effetti collaterali.

Devo trovare due medici bravi, un'andrologo e uno psichiatra in zona milano.

saluti e grazie
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Caro Ragazzo,
mi associo al Dr.Izzo nella risposta.
L'eiaculazione precoce è una disfunzione sessuale che compromette la fase della risposta orgasmica, caratterizzata dall'assenza di controllo del punto di non ritorno eiaculatorio.
La prima tappa è una diagnosi andrologica, la terapia si stabilisce di conseguenza.
Quando non viene affrontata e curata adeguatamente, l'e.p, inficia il tono dell'umore, oltre che autostima e coppia.
L'approccio dovrebbe essere integrato, che preveda anche un lavoro sulle cause dell'e.p, come quelle da cattivo apprendimento sessuale, da cattivo utilizzo dell'immaginario, correlate all'ansia e tanto altro.
Cari saluti e ci faccia sapere