Utente 156XXX
Salve,
ho da un paio d'anni un problema che si manifesta durante tutto l'anno.
Ho problemi alle gambe, ritenzione idrica, capillari che si spezzano.
Inoltre facilmente sanguino, come mi è successo sia per una pulizia dentale (senza particolari problemi di tartaro), sia per un pap test e anche una visita ginecologica.
Da un pò di tempo, oltre ai capillari spezzati, ho una sorta di livido nella parte interna della caviglia destra.
La caviglia mi fa male, soprattutto quando fa caldo, e inoltre sembra che una parte della caviglia sia stata "mangiata"...è come sparita una parte del muscolo...
Non ho mai fatto nulla oltre che prendere vitamina C per i capillari, in quanto la dottoressa ritiene che non sia nulla di importante.
Ma la differenza tra le due caviglie è molto visibile, la parte livida è così da mesi e inoltre continua a farmi male.
Cosa potrei fare?
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
i sintomi da Lei lamentati sono meritevoli di una valutazione specialistica con ecocolordoppler.
Per i fewnomeni emorragici sarebbe opportuna una definizione emartologica con screening emocoagulativo (es. di laboratorio).
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Salve,
ho fatto l'ecocolordoppler e risulta una lieve insufficienza venosa.
Mi è però stato detto che ciò non giustifica il fatto che la caviglia sia livida nè "rientrata".
Perciò ho fatto una ecografia alla caviglia e risulta "un assottigliamento delle strutture miotendinee come per ipotrofia. Non lesioni delle strutture esaminate nè versamenti in atto". (copiato dal referto)
Premettendo che la caviglia non è sempre stata così, quali possono essere le cause? Cosa potrei fare?
Inoltre, il fatto che la caviglia sia livida può dipendere da cio?
Ritiene necessari ulteriori approfondimenti?
Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Credo che debba sottoporre questo specifico problema in sezione di ortopedia, tenendolo tuttavia distinto dalle manifestazioni della insufficienza venosa con le quali non sembrerebbe in effetti correlato.