Utente 213XXX
Gentili dottori,
sono un ragazzo di 22 anni. Da alcuni mesi ho rapporti sessuali con la mia ragazza ma sin dalle prime volte ho riscontrato un problema che non avevo mai avuto: durante il rapporto sento poco o niente e temo proprio che anche per la mia ragazza sia lo stesso. So che può sembrare un'affermazione ridicola e io stesso non avevo mai provato niente di simile...posizioni e/o situazioni diverse non risolvono il problema...e non so più cosa pensare! E' possibile che tutto ciò sia causato da un'eccessiva lubrificazione o dilatazione della mia ragazza? Mi sentirei di escludere cause patologiche vere e proprio perchè tutti e due, e lei soprattutto, ci siamo sottoposti con frequenza alle visite del caso... Ma allora cosa c'è che non va? Considerando che non siamo alle primissime armi non credo che si possa parlare di inesperienza...e purtroppo la situazione comincia ad essere frustrante! Vi ringrazio già da ora per il vostro parere..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
l'ipotesi vagina abbondante e lubrificata è possibile.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Dott. Biagiotti la ringrazio per la celere risposta!...Però lei non mi lascia scampo!Voglio dire...devo pensare che le mie dimensioni non siano adeguate?...o ad una sorta di incompatibilità di fondo??
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve.
no, l'ipotesi che fa è poco probabile. potreste porre il problema al ginecologo della ragazza e lei potrebbe fare una visita andrologica per rassicurarsi.
cordialmente
[#4] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Perdoni la mia insistenza...Il problema è che non riesco a capire se questa situazione sia comune e/o nota a livello medico oppure no...Perché solo nel primo caso potrei sperare di trovare una soluzione immagino!
[#5] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
beh....per essere nota è nota.
le soluzioni vanno cercate caso per caso.
cordialmente
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Mi permetto di intervenire, in associazione al DR.Biagiotti.
Un rapporto sessuale, non è il solo frutto della penetrazione e delle eventuali misure degli organi genitali, sarebbe riduttivo immaginare che un rapporto sia finalizzato al raggiungimento dell'orgasmo, come meta reciproca.
Forse con una consulenza di coppia, potreste concentrarvi più sul percorso, che sulla meta.
Cari saluti
[#7] dopo  
Dr. Emmanuella Ameruoso
20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2010
Gent.le utente,
concordo con le risposte precedenti fornite dai colleghi ed aggiungo:
l'intimità tra due persone è alla base di tutto.
Sospetta che anche la sua compagna sia poco soddisfatta (anche se è lubrificata??),ed allora.. perchè non gliene parla apertamente?
Il rapporto sessuale oltre che fisico, è anche di natura psicologica nel senso che il coinvolgimento emotivo (oltre che una profonda conoscenza tra i due partner) determina l'intensità del piacere.
Oltre questo, le fantasie ed il desiderio incidono in buona dose.
Nell'adulto, il pene flaccido, ha una lunghezza media di 10 cm mentre in erezione completa raggiunge i 15 cm.
Nella donna, invece, la lunghezza della vagina varia da 6 a 7,5.
Queste misure si modificano in base all'eccitazione. Ma questo non è sufficiente. La vagina è inoltre un muscolo e può essere contratto volontariamente per determinare maggior piacere a sè ed al partner.
Spesso un'educazione sessuale circa una miglior conoscenza del proprio corpo agevola le relazioni ed i rapporti tra i partner. Ma sottolineo, è importante comunicare tra di voi..
Ci rifletta...