Utente 213XXX
salve, ho un problema che mi perseguita da diversi anni, il tutto è iniziato con uno sfogo pruriginoso sulle gambe ai lati dello scroto con desquamazione molto probabilmente trasmessomi dal mio gatto (visto che inizialmente l'aveva tutta la mia famiglia), avendolo trascurato col passare del tempo la cosa si è un po' cronicizzata e quando sono andato a curarlo il dottore mi ha prescritto inizialmente una polvere antimicotica (pevaryl) che mi ha tolto il prurito e lo sfogo dalle gambe ma mi ha lasciato il prurito sullo scroto (in particolare di lato e alla base del pene verso l'addome), quindi è da anni che combatto con quest'ultimo problema; polveri, creme, pasticche e visite dermatologiche non sono servite, oltretutto periodicamente il fungo probabilmente passava di nuovo dallo scroto alla gamba ricreando lo sfogo con arrossamento, prurito e desquamazione come all'inizio, sfogo che comunque se trattato con la polvere antimicotica alla fine sparisce dalla gamba ma sembra che qualsiasi farmaco non riesca a far sparire il prurito allo scroto, probabilmente perchè la pelle dello scroto è diversa da quella della gamba... non saprei.. oltretutto credo che questo fungo mi sia finito anche negli occhi perchè da anni periodicamente mi ricompare un prurito insopportabile anche lì e devo usare un collirio per mandarlo via (uso betabioptal) , in conclusione volevo sapere come risolvere la cosa contando che nessuna visita dermatologica mi è servita in quanto dopo una breve ispezione mi venivano prescritte creme o simili senza effettuare nessun tipo di esame... quindi prima di muovermi ulteriormente e spendere soldi inutilmente vorrei cercare di andare a colpo sicuro stavolta anche per avere perlomeno una diagnosi sicura... cosa consigliate di fare? qualche tipo di esame particolare? qualche visita particolare? a chi dovrei rivolgermi? grazie mille

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
due cose fondamentali:

una buona visita dermatologica, corredata possibilmente da luce di word e tampone ed essami ematochimici, se ritenuto necessario dallo specialista

astensione da ogni altro tipo di terapia fai da te, che può causare danni più che guadagni (anche le vecchie terapie prescritte non servono, se non si riaggiorna la situazione)

carissimi saluti
[#2] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Salve, grazie per la risposta, volevo sapere: il tampone serve per raccogliere un campione di pelle da analizzare al microscopio?
[#3] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
no per seminarlo e coltivarlo.

saluti cari