Utente 213XXX
Gentili Dottori,

dopo aver smesso di fumare circa un paio di mesi fa ho iniziato a fare attività sportiva (corsa circa 4 volte la settimana). A distanza di una settimana dall'ultima sigaretta mi sono accorto di essere ingrassato di un paio di chili, raggiungendo circa i 73 (sono alto 175cm). Ho deciso così di mettermi a dieta, ma stupidamente ho esagerato, mangiando davvero poco (prevalentemente insalate e frutta e a volte carne, ma decisamente una dieta ferrea). Dopo avere perso 6/7 chili in 4/5 settimane (ora peso 66) mi sono accorto per puro caso (utilizzo di una cardiofrequenzimetro) di avere un battito a riposo che varia dai 40 ai 48 battiti al minuto... ho avuto anche una misurazione a 39) Mi sono subito preoccupato di avere causato danni permanenti al mio sistema cardiocircolatorio. Il mio medico mi ha detto di stare tranquillo (mi ha auscultato il cuore) ma purtroppo la mia ansia cronica mi ha fatto pellegrinare su internet in modo da reperire informazioni allarmanti. Ora naturalmente ho ricominciato a mangiare normalmente e sono anche fermo dallo sport per una contrattura del collo (da tre giorni... altra ansia). La domanda è se questa dieta seguita nelle 5 settimane precedenti ha potuto crearmi problemi ora non più reversibili.

Vi ringrazion fin d'ora,

cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'attività sportiva non ha mai fatto male a nessuno, la bradicardia, poi, alla sua età non è cosa anomala.
Stia sereno.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Grazie dr. Martino,

è stato rapido e rassicurante. Le auguro un buon fine settimana!