Utente 213XXX
Salve, mi chiamo Sara. Ho 19 anni e una settimana fa sono caduta col motore. I risultati sono stati: una frattura composta del condilo mandibolare sin. e una frattura del mento(dalle lastre si vedeva proprio una linea verticale in mezzo al mento, e fortunatamente tutti i denti erano fissi).
A causa di quest'ultima frattura i medici mi hanno dovuto operare inserendomi due placche in titanio nel mento, mentre per la frattura del condilo mi hanno bloccato i denti per una quindicina di giorni. Dopodichè mi rimuoveranno questo blocco lasciandomi per una settimana l'apparecchio con degli elastici guida e per la settimana successiva dovrò portare gli elastici solo di notte. Volevo solo un parere sulla terapia che sto seguendo. E volevo anche sapere con un po piu di chiarezza le dinamiche di ricostituzione della mandibola: cioe da quello che ho capito la mandibola si riossifica in queste due settimane in cui ho il blocco e poi con gli elastici dovrei pianopiano riabituarla al movimento? E quindi dopo queste due estenuanti settimane di dieta liquida posso riniziare a mangiare gradualmente qualcosa che abbia sostanza?
Se potreste chiarirmi un pochino le idee ve ne sarei grata..
[#1] dopo  
Dr. Carmine Taglialatela Scafati
24% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile Sara, la terapia che le è stata apportata è corretta. Dopo due tre settimane di blocco intermascellare non è che la frattura già sia consolidata, ma inizuia il processo di formazione del callo osseo. Intanto la stabilità della frattura al mento è garantita dalle due placche, mentre la frattura del condilo, sarà protetta dalla dieta liquida e dagli elastici di guida. Il processo di guarigione avviene dopo i 40 giorni, dopo le prime tre settimane, può cominciare grdadamente, ad aumentare la consistenza della dieta.